Cerca

La mossa

Recessione Pil, Mario Draghi: "In Italia incertezza sulle riforme economiche"

Recessione Pil, Mario Draghi: "In Italia incertezza sulle riforme economiche"

"Abbassare le tasse". Il presidente della Bce, Mario Draghi è chiarissimo. Dopo i dati sul Pil negativo dell'Italia, Draghi prova a dettare la linea e dà qualche consiglio a Renzi: "Paesi come l'Italia devono abbassare tasse, sono i paesi con il più alto livello tassazione in un'area in cui le tasse sono le più alte al mondo". Mario Draghi, da Francoforte, ribadisce l'avvertimento che ieri il Wall Street Journal aveva fatto nei confronti del Governo Renzi e cioè che sulle misure economiche non ci siamo. Il calo del Pil in Italia è stato determinato anche dalla debolezza degli investimenti, che a loro volta può riflettere "la generale incertezza che circonda le riforme economiche", ha affermato il presidente della Bce Mario Draghi, citando giustizia e competitività. Sull'Italia poi circolano molte "storie" che scoraggiano gli investitori, ha aggiunto. "Ci sono storie di investitori che vorrebbero creare fabbriche e creare posti di lavoro", che però richiedono innumerevoli autorizzazioni e mesi. "Ci sono storie di giovani che vorrebbero mettere su una attività - ha insistito - ma servono nove mesi".

Inflazione - Sul fronte inflazione, Mario Draghi è pronto a usare il bazooka. Ovvero il Quantitative Easing, l'acquisto in larga scala di titoli. "Abbiamo intensificato i lavori preparatori per acquisti titoli Abs", spiega il presidente Mario Draghi, aggiungendo che nel caso in cui la previsione di medio termine dell'inflazione dovesse cambiare, l'Eurotower è "pronta a acquisti Abs e Quantitative Easing". In tal senso, un eventuale quantitative easing della Bce "includerebbe sia titoli di Stato sia asset privati". 

Tassi - Al termine della riunione, la Banca Centrale Europea ha lasciato invariati tassi al minimo storico dello 0,15%. Il presidente Draghi ha dichiarato: "Il consiglio della Bce è unanimemente determinato a usare anche misure non convenzionali se fosse necessario, come il Quantitative Easing, cioè l'acquisto di bond su larga scala. Gli interventi riporteranno l'inflazione verso l'obiettivo del 2%. Gli ultimi dati sull'area euro confermano il quadro di prosecuzione di "una ripresa moderata e diseguale", assieme a "bassa inflazione e dinamiche sommesse del credito", ha aggiunto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • almavit

    09 Agosto 2014 - 19:07

    Purtroppo qualunque cosa faccia Draghi, i soldi vanno a finire nelle nostre fameliche banche , che se li tengono, o li danno agli amici. o fanno pagare ai piccoli , interessi da usurai. E ora di finirla con questo giochetto. Si incominci a rivalutare le pensioni minime ferme dai tempi della nostra lira.

    Report

    Rispondi

  • roccomasi

    07 Agosto 2014 - 23:11

    Cedere sovranità vuol dire mettersi a 90 gradi davanti ai burocrati europei. Ma in Italia c'è qualcuno dei presunti strateghi dell'economia, che abbia le palle, per ruggire le ragioni italiane anzichè belarle?

    Report

    Rispondi

  • fabiou

    07 Agosto 2014 - 21:09

    indegno massone del bilderberg.seguendo i vostri consigli siamo finiti con l austerity nella poverta e nellla recessione

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    07 Agosto 2014 - 20:08

    Le tasse non caleranno finché il Pd sarà al governo. Renzi e renziani a parte, c'è la frangia dei vecchi comunisti che di abbassare le tasse non vuol sentir parlare. Perché? Ideologia. Per loro abbassare le tasse significa favorire i nemici giurati cioè gli imprenditori. Ridurre la burocrazia? Manco per il cazzo. Come potrebbero continuare a mantenere il controllo su tutto e tutti?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog