Cerca

La scelta

Luciano Moggi: Vi spiego perché il ct dell'Italia ideale è Francesco Guidolin

Luciano Moggi: Vi spiego perché il ct dell'Italia ideale è Francesco Guidolin

Ebbene, con pochissima modestia e un po’ di soddisfazione, inizio questo articolo proponendo a voi amati lettori il più classico dei «ve l’avevo detto»: Carlo Tavecchio è il nuovo presidente della Figc alla faccia di chi voleva sfruttare lo scivolone sulla banana (terribile, ma non razzista) per stroncare sul nascere i suoi buoni propositi.

Il giorno dopo la proclamazione, ecco la prova sulla bontà della scelta: Tavecchio si è svegliato di buonora e ha iniziato il corteggiamento ad Antonio Conte per convincerlo ad accettare la panchina della Nazionale. Conosco bene Antonio, non credo accetterà, ma al momento francamente non posso avere certezze: il divorzio dalla Juve ha lasciato ferite profonde che il tecnico può rimarginare solo tornando subito a lavorare, per questo non escludo che possa avventatamente accettare la proposta della federazione.

Dico «avventatamente» non a caso. Sono convinto che allenatori giovani e ancora «in ascesa» come Mancini e lo stesso Conte non siano indicati per guidare la selezione azzurra: farebbero il loro male (chi sceglie di fare il Ct difficilmente torna ad alti livelli sulle panchine dei club) e di conseguenza anche quello della nazionale.

Per questo credo e mi auguro che alla fine la scelta ricada su Francesco Guidolin, allenatore preparato che ha terminato il suo percorso nei club e ora sarebbe perfetto per guidare e soprattutto «selezionare» gli azzurri. Chi meglio di lui, uno che in tanti anni a Udine ha saputo amalgamare gruppi sempre nuovi e variegati, ottenendo in contemporanea risultati di livello. Non pretenderebbe troppo quanto a ingaggio e metterebbe d’accordo tutti i grandi club.

Non condivido l’opinione di chi dice «Guidolin non è adatto perché incapace di reggere lo stress», anzi. I ritmi «rallentati» che accompagnano la figura del Ct sarebbero perfetti per un tecnico stanco di affrontare l’impegno quotidiano, ma ancora bravissimo quando si tratta di lavorare con gruppi composti da giocatori che non si conoscono tra loro. Faccio il tifo per lui, se poi Conte dice sì non mi lamento di certo.

di Luciano Moggi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pinodipino

    14 Agosto 2014 - 11:11

    Come sempre quando si parla di calcio, Moggi, aldilà di ogni altra considerazione, dimostra tutta la sua competenza, Conte probabilmente alla fine accetterà l'offerta della federazione, ma secondo me farà un errore, ha tutto da perdere e nulla da guadagnare, al contrario Gudolin per competenza e storia personale sarebbe l'allenatore ideale, Zaccheroni lo escuderei, Mancini comunque ottimo.

    Report

    Rispondi

  • alex7564

    13 Agosto 2014 - 21:09

    Sono perfettamente d'accordo con te.. Sono le stesse cose che ho detto da quando si fa il papabile sostituto e con le stesse motivazioni.. Sono contento che un profondo conoscente di calcio abbia la mia stessa considerazione... Ciao Direttore!!!

    Report

    Rispondi

blog