Cerca

La rivolta

Stati Uniti, Scontri in Missouri, Anonymous "Ecco il nome di chi ha sparato"

Stati Uniti,  Scontri in Missouri, Anonymous "Ecco il nome di chi ha sparato"

Il Missouri è sull'orlo di una guerra civile. Non si fermano infatti le rivolte razziali a Ferguson, sobborgo di St. Louis, dove è scoppiata la rabbia popolare dopo l’uccisione, sabato, di un ragazzo di colore da parte della polizia. Mike Brown, 18 anni, è stato freddato da un agente mentre, disarmato, stava andando a casa della nonna. Da allora le proteste si sono intensificate. A far infuriare i manifestanti sono state le diverse versioni sulla morte del ragazzo che secondo i testimoni sarebbe stato disarmato e con le mani alzate. Per sedare le proteste, la polizia è intervenuta pesantemente sparando gas lacrimogeni per disperdere la folla di manifestanti considerando le rivolte non pacifiche. 

La foto - A dare i dettagli sull'agente che avrebbe sparato al 18enne sono hacktivist di Anonymous, che stanno seguendo la vicenda con l'#OpFerguson. Dopo una serie di ultimatum alla polizia, su uno degli account del collettivo è stata pubblicata la foto con il nome dell'agente. Già nei giorni scorsi infatti era stato messo in rete l’indirizzo dell’uomo e la fotografia di casa sua. La polizia però ha smentito tutto. "Quel poliziotto non lavora da noi", è stata la risposta. Non è la prima volta che le competenze degli hacker vengono messe al servizio dei manifestanti per cercare di «fare giustizia», come spiegato in un comunicato divulgato in rete. Ma questa volta Anonymous sottolinea di aver verificato con molta attenzione nome prima di pubblicarlo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    19 Agosto 2014 - 08:08

    A parte il fatto che la verità, per ora, non è patrimonio di nessuno (date le diverse e contrastanti versioni del fatto) mi pare strano che un poliziotto, per quanto di indole violenta, di fronte a decine di testimoni abbia assassinato a freddo un giovane disarmato senza pensare alle ovvie conseguenze del suo gesto. Certamente tutto è possibile ma è anche probabile ?

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    16 Agosto 2014 - 02:02

    gigantesca cantonata dei gruppi progressisti: il ragazzo aveva appena rubato sigari per 50 dollari terrorizzando gli addeti del negozio (ci sono le immagini del raid). Il complice che era nel negozio e' lo stesso che ha accusato la Polizia, quindi ora e' in dubbio la sua testimonianza. Camminavano vittoriosi in mezzo di strada bloccando il traffico. Ecco perche' la Polizia li ha bloccati.

    Report

    Rispondi

blog