Cerca

Editoriale

Per uscire dall'angolo tagliamo subito le tasse sulla casa

17 Agosto 2014

8

Secondo un’indagine della Confartigianato abbiamo i mutui più cari d’Europa, del 36 per cento superiori a quelli praticati da altri Paesi, e le tasse sugli immobili più pesanti del continente, con una crescita del 107 per cento negli ultimi due anni. I due primati negativi sono sicuramente alla base del crollo del mercato immobiliare, che non soltanto ha visto dimezzarsi le compravendite di abitazioni dal 2011 ad oggi, ma ha anche ridotto di un terzo e più il valore delle case. Qualcuno potrebbe pensare che la questione riguardi esclusivamente gli addetti al settore, agenti immobiliari e costruttori, e invece no, perché il mattone è da sempre la vera grande industria di questo Paese e gli effetti si misurano sull’intera economia.
Un po’ in quanto il numero di addetti è superiore a quello di qualsiasi altra grande industria, case automobilistiche comprese, e un po’ perché il tetto è più di qualsiasi altra cosa il vero tesoretto degli italiani. Chiunque nel passato avesse la possibilità di risparmiare un po’ di quattrini non li infilava sotto il materasso o comprava azioni e diamanti, ma fino a ieri li usava per acquistare l’alloggio in cui intendeva andare a vivere con la famiglia. Avere un appartamento o una villetta a schiera era considerato  rassicurante e anche un buon investimento per il futuro, quasi una sorta di pensione assicurata e non a caso, raggiunta una certa età e volendo conservare una certa tranquillità, in molti vendevano la nuda proprietà, ossia cedevano i muri conservando il diritto di abitarvi.

 

Continua a leggere l'editoriale di Maurizio Belpietro
su Libero in edicola oggi, domenica 17 agosto o sull'edizione digitale

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tacos

    22 Agosto 2014 - 18:06

    Tagliare la Tasi e assicurare che non verrà riapplicata è l'unica possibilità per riattivare i consumi. L'imbroglio dell'IMU rivalutato del 60% in una sola "botta" come fatto dall'irresponsabile Monti ha creato una situazione a cascata di minori consumi e coinvolto nella disoccupazione centinaia di categorie. Eliminare la TASI definitivamente attiverà maggiori consumi e maggiori entrate fiscali.

    Report

    Rispondi

  • Nat1944

    19 Agosto 2014 - 09:09

    ........le tasse andrebbero tolte non solo quelle della casa, già abbondantemente strapagate all'acquisto, ma anche riviste del tutto se vogliamo ricrescere in questo benedetto Paese!!! Possibile che i nostri Governanti non hanno ancora capito che la strada giusta è solo questa invece delle parole che tutti i giorni ascoltiamo, ma restano solo parole? Nat1944

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    18 Agosto 2014 - 15:03

    I prezzi saranno un po' scesi negli ultinmi due o tre anni, ma non dimentichiamoci che la speculazione Lira/Euro ne aveva di fatto raddoppiato i costi: una casa è passata da 200milioni di lire a 200 mila euro, quindi il doppio!! Se pure i prezzi sono scesi di 1/3 (ma quando??) restano sempre un 70% maggiori di quelli ante euro. La speculazione Lira/Euro E' LA CAUSA PRINCIPALE DELLA CRISI DI OGGI

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media