Cerca

L'allarme

Ebola, l'Italia non ha un piano per evitare l'epidemia

Ebola, l'Italia non ha un piano per evitare l'epidemia

L'Italia non ha piani di difesa contro l'ebola. Non li ha perché, secondo il ministero della Salute il rischio di importazione del virus è remoto e finora non è stato segnalato alcun caso sospetto. "I rischi reali di contrarre l'ebola in Italia sono veramente ridotti ai minimi termini", ha detto Beatrice Lorenzin spiegando che "è veramente difficile contrarlo in un Paese ad alto livello di igiene e tecnologico come il nostro". Il ministro ha minimizzato la preoccupazione suscitata dalla notizia dal primo decesso di una persona di origini europee, che "non si è infettata in Europa, ma si è ammalata in loco". D'altronde le misure alle frontiere italiane sono già alte. "Già da aprile abbiamo controlli a bordo aerei, negli aeroporti", ha ricordato Lorenzin. Le misure forti prese in Inghilterra "noi le adottiamo da mesi. Siamo paesi di frontiera abituati a fronteggiare rischi sanitari in situazione di continuità, in particolare da quando è iniziata l'emergenza profughi".
Il ministero della Salute, rivela il Messaggero, ha dato comunque nuove indicazioni agli Uffici di Sanità marittima, aerea e di frontiera affinché il rilascio della libera pratica sanitaria alle navi che nei 21 giorni precedenti abbiano toccato uno dei porti dei porti dei paesi colpiti avvenga solo dopo verifica della situazione sanitaria a bordo. Per i migrandi provenienti dalle coste africane, secondo il ministero, la durata dei viaggi è sufficiente a far sì che la malattia in eventuale stato di incubazione si manifesti.  Il problema è che qualora si manifestasse non ci sarebbe un piano per intervenire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fossog

    17 Settembre 2014 - 15:03

    Che aspettarci da un ministro della sanità che è Solo Diplomata ed anche Cattolico-Fanatica ? Ci affidiamo a chi ha due Grosse Carenze Culturali : la Prima, la mancanza di Cultura Specifica gravata da un livello culturale medio-basso. La Seconda, è la Mancanza di Pragmatismo a favore della speranza nella Provvidenza divina, cioè è Malata di religione. Se arriverà Ebola, spero cominci da Lei.

    Report

    Rispondi

  • ilsognodiunavit

    24 Agosto 2014 - 15:03

    Timori? da noi entrano soltanto se controllati,nessun pericolo.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    20 Agosto 2014 - 22:10

    Il panico proprio non lo vedo, il menefreghismo immane di tutti SI. In ogni caso quando mai il nostro Paese è stato pronto per affrontare qualche pandemia ? MAI !!!! Tante parole ma mai qualcosa di valido e concreto.

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    20 Agosto 2014 - 14:02

    Congratulazioni ai giornalisti! Ma sì, diffondete il panico tra la gente, tanto peggio di così.......

    Report

    Rispondi

    • maurigiu56

      20 Agosto 2014 - 16:04

      i giornalisti fanno il loro lavoro di informare la gente, mentre i politici nascondono la verità: siamo un paese a rischio epidemico.

      Report

      Rispondi

    • plinio72

      20 Agosto 2014 - 14:02

      e se invece quello che ci dicono sono solo briciole della verità.?

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog