Cerca

Cavallini

Fernando Alonso: "Ok al rinnovo con la Ferrari, ma niente fretta"

Fernando Alonso

"Ho ancora due anni di contratto con la Ferrari, non c’è fretta di firmare. La mia volontà è di rinnovare ma le informazioni uscite sul mio ingaggio sono totalmente esagerate e fuori contesto". Il pilota della Ferrari Fernando Alonso parlando con i giornalisti ha chiarito la propria posizione per il futuro alla vigilia del weekend che porta al Gran Premio del Belgio. "Penso che la lotta con la Williams proseguirà fino alla fine - ha aggiunto lo
spagnolo in merito alla lotta per la classifica Costruttori -. Queste due gare a Spa e Monza dovrebbero vedere maggiormente favoriti loro, quindi il nostro obiettivo sarà quello di portare a casa un bel po' di punti. Per quanto riguarda il campionato Piloti mi piacerebbe concludere al terzo posto, insidiando Daniel Ricciardo, ma si tratta di un obiettivo piuttosto ambizioso".

Giovani - Alonso ha poi parlato del fatto che Max Versatappen debutterà il prossimo anno in Formula Uno, ad appena 17 anni, con la Scuderia Toro Rosso. "Vedremo come se la caverà la prossima stagione - ha sottolineato -. Per il momento gli do il benvenuto e gli auguro il meglio. Io probabilmente a 17 anni non ero ancora pronto, o forse mi sentivo anche pronto, ma ora, dopo 14 anni in Formula 1, mi rendo conto di quanto sono migliorato in certe aree rispetto agli esordi. È anche vero che le vetture di Formula 1 oggi sono molto più facili da guidare e fisicamente non richiedono un impegno enorme: questo forse può aiutare i nuovi arrivati".

Aggressività - Il Team Principal, Marco Mattiacci, ha recentemente affermato che la Scuderia deve adottare un approccio più aggressivo quando si tratta di andare in pista. Lo spagnolo si è detto d’accordo indicando come anche secondo lui questa sia la giusta strada da percorrere: "Devo dire che siamo già stati piuttosto aggressivi negli ultimi anni, adottando per esempio la sospensione pull-rod all’anteriore fin dal 2012 e ideando uno scarico di nuova concezione per il posteriore - ha detto -. Ora non ci resta che continuare a migliorare la vettura e le strumentazioni che abbiamo in azienda in modo da diventare un team ancora più forte e con delle idee innovative".

Avvicendamenti - Il pilota della Scuderia Ferrari, a proposito dell’avvicendamento tra Luca Marmorini e Mattia Binotto, ha commentato: "Tutti i cambiamenti fatti recentemente sono stati compiuti con l’intenzione di rendere la squadra più forte e competitiva. Quindi se il team decide di rimpiazzare qualcuno, è perché sente che una nuova persona in quel ruolo potrebbe fare meglio - ha spiegato Alonso -. Lo sviluppo della power unit è congelato ma per l’anno prossimo dobbiamo riuscire a tirare fuori del potenziale in più dall’unità motrice perché il nostro livello di performance non è all’altezza di quello di alcuni dei nostri avversari. Spero che le nuove persone possano trovare i cavalli extra che ci servono".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog