Cerca

In vacanza

Tanti film e poca piscina: le ferie forzate del Cav

Tanti film e poca piscina: le ferie forzate del Cav

Certo che c’è la piscina: rettangolare, tradizionale e senza fronzoli, azzurrissima dentro le sue pareti grigio chiaro. Silvio Berlusconi e Francesca Pascale hanno trascorso il giorno di Ferragosto lì dentro, approfittando delle poche ore di sole che l’estate ha regalato. Lo specchio d’acqua è pure a un passo dal corpo centrale di Villa San Martino, proprio accanto al campo da tennis in terra battuta, che a sua volta è vicino al campetto di calcio con le due porte e la pista di atletica attorno; il tutto fu ideato a distanza di sicurezza dal galoppatoio dove una volta si poteva passeggiare coi cavalli.

Se questo agosto non fosse stato il più piovoso della storia, tutto sommato il Cavaliere si sarebbe pure potuto accontentare. Vietati dal tribunale di Milano gli “espatri” in Regioni diverse dalla Lombardia, diventate di conseguenza off limits sia Villa Certosa in Sardegna che Villa Campari sul Lago Maggiore, l'ex premier ha trascorso le (quasi) ferie estive asserragliato dentro la villa in Brianza, suo quartier generale dal lontano 1974. Nuvole e scrosci di pioggia hanno reso più difficile del previsto anche il programma di remise en forme che, insieme a un nutrizionista e ad un personal trainer, aveva programmato per sè: la ginnastica in acqua (che pure ha fatto qualche giorno) è spesso diventata stretching, le corsette nel parco che delimita la sua proprietà hanno preso le sembianze di un tapis roulant.
Il Cavaliere è rientrato alla “base” da Roma - l’unica città dove può recarsi senza espressa autorizzazione del magistrato - lo scorso sette agosto. Tranne che per due mattine all’Istituto Sacra Famiglia e, venerdì pomeriggio, qualche ora per stringere le mani ai “suoi” giocatori a Milanello, il Cavaliere non si è mai mosso dalla sua residenza brianzola.

Pochissimi i politici ammessi durante le vacanze: Deborah Bergamini, Giovanni Toti, Paolo Romani, Antonio Tajani, Mariastella Gelmini, tutti prima di Ferragosto. Più frequenti le visite di Adriano Galliani e dell'amico di sempre Fedele Confalonieri, che cura gli interessi delle aziende. A smistare ospiti e telefonate Maria Rosaria Rossi, che dorme nella dependance della villa, e si è assentata giusto una manciata di giorni, ma è da quasi una settimana tornata alla Villa. La maggior parte del tempo delle sue “ferie” - trascorso senza nemmeno una dichiarazione pubblica o una intervista - il Cavaliere l’ha voluta dedicare a sé stesso e alla sua famiglia. Come in tutte le case, specie quando il padre possiede una residenza da favola, sono passati per Arcore tutti i figli. Presenza fissa tra le (molte) mura dell’ex convento Rinascimentale - tranne che per una veloce trasferta nella villa sarda a Porto Cervo - la compagna Francesca Pascale. È con lei - insieme ai due barboncini Dudù e Dudina - che l’ex premier si è fatto qualche passeggiata tra i prati, ha visto film nella sala cinema con le poltrone bianche, e, ieri sera, pure le partite di calcio del Trofeo Tim. Parlandone tra di loro i due “padroni di casa” hanno deciso di non sottoporsi alla doccia ghiacciata tanto in voga tra i vip, ma preferito altre forme di beneficienza. «Queste cose si fanno e non si dicono», ha spiegato a Libero la compagna del presidente di Forza Italia. La stessa linea è stata scelta da un altro familiare del Cav, il vicepresidente Mediaset Piersilvio: ieri ha effettuato una «solida donazione» in favore della ricerca sulla Sla, ma senza sottoporsi al gavettone pubblico.

L’unica cosa che il brutto tempo di questa strana estate non ha potuto cambiare è il regime alimentare cui si è sottoposto l’ex premier, un altro dei segni che dimostrano quanto - in fondo - si aspetti che le elezioni non siano poi così lontane. Continua, dopo due settimane dall’inizio della dieta iperproteica, il divieto per i carboidrati: zero pasta, pane e pizzette del quale il fondatore di Fininvest è da sempre molto goloso. Sulla tavola (lunga e rettangolare, attorno alla quale ci sono sedie barocche rivestite di bianco) solo carne, pesce e verdure, salvo patate e pomodori. Chi lo ha visto sostiene che l’ex premier abbia già perso alcuni chili.
Da domani Berlusconi tornerà alla sua vita “normale”, martedì è in programma la prima riunione post-ferie. Tra gli ospiti i più attesi ad Arcore c’è Denis Verdini, che continua a trattare con Matteo Renzi sull’Italicum e non solo. I dossier scottanti che il Cavaliere dovrà affrontare sono più d’uno: economia, giustizia, politica estera su tutti. Gli invitati sono stati consigliati di presentarsi «già mangiati»: nelle cucine di Arcore non sono previste eccezioni alimentari nemmeno per loro.

di Paolo Emilio Russo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • papesatan

    26 Agosto 2014 - 11:11

    ma cosa ce ne frega di quello che fa il mancato galeotto?

    Report

    Rispondi

  • soleados

    25 Agosto 2014 - 10:10

    E' gia' molto per un PREGIUDICATO !!!!

    Report

    Rispondi

    • aresfin

      aresfin

      25 Agosto 2014 - 15:03

      Caro komunista, vorrei tanto vedere te e i koglioni come te in galera, per tutte le stronzate che dite e le badilate di odio che spargete. Povero beota!

      Report

      Rispondi

      • papesatan

        26 Agosto 2014 - 10:10

        caro aresfin, perchè chiamare delinquente un pregiudicato è da comunisti? voi finissimi adoratori del delinquente come chiamate gli evasori fiscali che hanno derubato anche voi?

        Report

        Rispondi

  • albatros57

    25 Agosto 2014 - 10:10

    Ancora Verdini? Ma basta Silvio. Liberatene!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • bruscoloni

    bruscoloni

    25 Agosto 2014 - 08:08

    Il ritratto fedele della giustizia all'italiana: un pregiudicato che guarda tanti film e fa poca piscina

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog