Cerca

La presa di posizione

Cécile Kyenge: "Mare Nostrum è inadeguato, ma salva delle vite"

Cecile Kyenge

Cecile Kyenge

Per uno scafista che, senza peli sulla lingua, afferma che i profughi continueranno a viaggiare perché grazie a Mare Nostrum "gli italiani ci vengono a salvare", c'è una Cécile Kyenge che Mare Nostrum lo difende. "Se l’Italia si presenta a Bruxelles dicendo semplicemente stop a Mare Nostrum e avanti con Frontex, dubito che otterrà qualche risultato. Non sono ottimista", spiega l'ex ministro dell'Integrazione. E ancora: "Serve un piano a largo raggio, con vari livelli d'intervento". Secondo l'europarlamentare del Pd, che in Europa continua ad occuparsi di integrazione, "è impossibile mettere un problema di queste dimensioni solo nelle mani di Frontex (il protocollo Ue per l'emergenza immigrazione, ndr) che, tuttalpiù, può limitarsi a dare un contributo di uomini e mezzi in funzione di controllo".

"Ma non basta più..." - Prosegue la Kyenge: "Mare Nostrum è nata come risposta all’emergenza sbarchi. Resta determinante per il salvataggio delle persone ma come è evidente non basta più. Nelle intenzioni doveva avere una funzione a breve termine e, a seguire, avrebbe dovuto essere coordinata con un progetto a lungo termine per l’accoglienza e l’integrazione dei migranti". Certo, riconosce Cécile, "Mare Nostrum così com’è ora, è uno strumento inadeguato, costoso. L’Italia ormai fatica a reggere il peso e le responsabilità di un impegno così gravoso. Per questa ragione penso che il nostro Paese dovrebbe presentarsi a Bruxelles e pretendere aiuto, non con lo sguardo basso o il cappello in mano. Dobbiamo far valere le nostre buone ragioni con gli altri 28 paesi dell’Unione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alejob

    28 Agosto 2014 - 12:12

    Ma nessuno chiude la bocca a questa deficiente? Questa è una sporca linguaccia che pensa non al nostro paese che le ha dato da mangiare e vestire, questa pensa a come portare i suoi delinquenti in Italia perchè un giorno facciano la rivoluzione a favore.

    Report

    Rispondi

  • Alexis68

    28 Agosto 2014 - 08:08

    Fosse per me li rimanderei indietro tutti assieme ai nostri politici. Ci hanno ridotto ad un paese da terzo mondo. Vorrei solo saperr realmente che giro di soldi c'e dietro a questa operazione e chi ci sta guadagnando alle nostre spalle mentre noi a noi ci stanno rovinando

    Report

    Rispondi

  • cartonito

    27 Agosto 2014 - 22:10

    io le vite vorrei salvarle si ma quelle dell'uva per farci un buon vino ,le sue danno solo problemi.

    Report

    Rispondi

  • PACCHE

    27 Agosto 2014 - 20:08

    Anche lei era inadeguata, eppure non si è vergognata a fare il ministro, scelta da un primo ministro inadeguato e nominata da un presidente non più adeguato. Forse la sua presenza sarebbe più opportuna, visto che è medico, fra la sua gente in Congo alle prese con l'ebola. O forse pensa di essere indispensabile nell'Usl emiliana dove è entrata magari con l'aiuto dei suoi compagni del PD?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog