Cerca

Lo scandalo

Zara, la maglietta con la stella di David indigna Israele

Zara, la maglietta con la stella di David indigna Israele

La firma di abbigliamento Zara sprofonda nello scandalo a seguito della pubblicazione di una maglietta con la stella a sei punte, storico simbolo di Israele utilizzato sotto il controllo nazista come segno di discriminazione per identificare gli ebrei nelle città.

La t-shirt - Prodotta negli stabilimenti turchi, la t-shirt con la stella è stata idealizzata e messa in produzione per la linea Kids (bambini) con l'intezione di riprodurre la stella che utlizzavano gli sceriffi nel Far west. L'effetto prodotto è stato però l'opposto. I reduci dell'Olocausto e chi si impegna perché la Shoa sia un monito contro i crimini nazifasciti non hanno apprezzato molto il messaggio di Zara, ricordando i tragici momenti in cui dovevano indossarla obbligatoriamente, per essere indentificati dalle SS.

Le reazioni e le scuse - Un curioso particolare: secondo Jewishpress, noto quotidiano israeliano, l'indumento sarebbe stato messo in vendita solo negli outlet di Israele. Insistendo sulla polemica l'organizzazione The Israel Project sulle colonne del suo sito ha replicato con un corposo articolo: "Incredibile iniziativa di pessimo gusto" perché, come molti si sono subito chiesti, "ci sono degli sceriffi che popolano Israele?". 'La stella appartiene alla bandiera, neanche le divise armate la includono, perché dovrebbe essere raffigurata su indumenti per civili?' E' la sintesi del commento di Israel Project. Zara, tramite il designer Elyan Ezekiel, ha prontamente risposto ai commenti negativi dei follower su Twitter: "Porgiamo le nostre più oneste scuse, è ispirata alla stella utilizzata dagli sceriffi nei film Western. Verrà ritirata dai nostri store".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rader

    27 Agosto 2014 - 18:06

    Ma non sono bastati sei milioni di assassinii? Il mondo sta di nuovo impazzendo ...

    Report

    Rispondi

blog