Cerca

Follie da comune democratico

Bologna, la polizia protesta: "Non possiamo pedinare i banditi"

Bologna, la polizia protesta: "Non possiamo pedinare i banditi"

Ma il ministro degli Interni Alfano lo sa che a Bologna la polizia «dipende» da Colombo, e non è il tenente? Bensì è l’assessore della giunta Pd che sta introducendo da qualche anno strane idee per la gestione del traffico cittadino che creano non poche polemiche.

Dalle pedonalizzazioni di uno dei più grandi centri storici d’Europa senza mezzi di mobilità per disabili e anziani, al soqquadro della città per un trasporto rivoluzionario e costoso (il Crealis) che alla fine è un filobus, fino alla proposta surreale di una pista ciclabile in mezzo agli intasatissimi viali di circonvallazione. E ne spunta un’altra. Da oggi sugli autobus di Bologna i poliziotti che fanno un pedinamento o sono in incognito devono qualificarsi e farsi riconoscere.

Lo stabilisce una disposizione della Questura che accoglie l’indicazione dell’impresa dei trasporti Tper, di cui il Comune di Bologna è fondamentale azionista, 30,11%, insieme alla Regione Emilia Romagna, dopo la messa in liquidazione della sua storica impresa dei trasporti Atc. Tper è guidata da Giuseppina Gualtieri, vicina all’ex premier Romano Prodi.

Per contrastare l’evasione di chi non paga il biglietto, Tper ha stabilito che chiunque usi l’autobus dovrà validare obbligatoriamente il titoli di viaggio ad ogni salita.

Una disagio per chi ha un abbonamento, principalmente anziani, categorie protette e particolari e studenti delle classi inferiori. I fruitori del servizio dovranno aspettarsi lunghe file all’ingresso dei bus, per una procedura che allungherà le attese, con il rischio di disincentivare l’utilizzo degli stessi mezzi.

In più il 17 agosto, con operatività immediata, Tper ha mandato una disposizione alla Questura dove spiega che da oggi i poliziotti che sono sugli autobus devono farsi riconoscere. E non perché potrebbero non avere diritto al viaggio, visto che per motivi di sicurezza viaggiano senza pagare, ma per far capire che sono poliziotti e quindi non evasori.

«Perché è impossibile dimostrare ai presenti la propria regolarità», Tper indica la procedura da seguire. I poliziotti alle fermate degli autobus dovranno «preparare il tesserino di servizio già durante l’attesa del bus, prima ancora di salire a bordo». E ancora «salgano dalla parte anteriore, mostrino il tesserino al conducente... anche se l’azione non è un vero controllo». Non solo. Per non esporre i poliziotti al «controllo sociale» si comunica che i loro titoli verranno verificati una seconda volta dai controllori che ne «valuteranno la validità».

La Questura recepisce e adotta la circolare per tutti i suoi uffici. «Da oggi è praticamente impossibile seguire un pedinamento sugli autobus. Diventano una sorta di tana libera tutti», ci dice un ispettore irretito. Eppure Bologna è uno dei capoluoghi italiani dei borseggi, dicono le ricerche de Il Sole 24 ore. Borseggi che avvengono soprattutto sui bus. «Se sto seguendo un delinquente mi dovrei fermare e dire, scusate, mi presento sono un poliziotto...», continua l’agente.

«Il questore non capisce il non-senso della disposizioni forse perché viaggia in auto blu? Da oggi quindi prendiamo direttive dal sindaco Pd Merola e dagli uomini di Prodi? Dove sono i sindacati?», si sfoga un altro.

La disposizione è surreale poiché viola anche una serie di norme. Gli agenti mostrano una legge del 1925 e il Dpr n°90 del 2010. C’è scritto: l’accesso è libero e non può essere regolamentato da un’impresa. Legittimo esibire il tesserino al solo verificatore ma questi non ha titolo per verificare la validità del documento di riconoscimento dell’agente di pubblica sicurezza. «Questa è l’ultima assurdità della P.A. bolognese», commenta il capogruppo Pdl in Comune Michele Facci.

Mentre l’assessore Andrea Colombo ha così giustificato il provvedimento generale: «Un piccolo gesto per contribuire in prima persona a contrastare l’evasione tariffaria di chi non paga il biglietto».

di Antonio Amorosi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • highlander5649

    29 Agosto 2014 - 20:08

    adesso si mettono anche i comuni a inventarsi queste cavolate da gialappa's band? l'ordine pubblico è un conto a parte e va mantenuto piuttosto si dia un abbonamento ad hoc per il servizio di controllo cittadino. a roma si può entrare solo da una *porta* la porta ideale quella da cui cacciare a pedate la banda marino. a new york con l'ordine pubbllico non scherza!

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    29 Agosto 2014 - 19:07

    qualcuno ( e non sono pochi) converrrebe farlo circolare con uno scolapaste in testa come distintivo: politici amministratori locali e loro tirapiedi ormai è un manicomio ed al manicomio i più *savi* giravano peri corridoi con uno scolapasta in testa per essere considerarti al pari di napoleone

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    29 Agosto 2014 - 17:05

    qualcuno ( e non sono pochi) converrrebe farlo circolare con uno scolapaste in testa come distintivo: politici amministratori locali e loro tirapiedi ormai è un manicomio ed al manicomio i più *savi* giravano peri corridoi con uno scolapasta in testa per essere considerarti al pari di napoleone

    Report

    Rispondi

  • olimedic

    29 Agosto 2014 - 13:01

    Pagassero anche i poliziotti, e tutti gli altri esenti come chiunque, e poi provvedano ad eventuali rimborsi in separata sede. Troppo complicato?

    Report

    Rispondi

    • rugantinox

      30 Agosto 2014 - 01:01

      Rimborso? Hahahaha, ma se non ci sono i soldi neanche per le cose essenziali! I colleghi che dovranno pedinare qualcuno sull'autobuslo faranno sicuramente pagando il biglietto di tasca propria, ma sperare di vedere quel biglietto rimborsato è utopia. E non credo sia giusto.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog