Cerca

Il ritratto

Donald Tusk nominato nuovo presidente del Consiglio Europeo

Donald Tusk

L'Europa ha un nuovo capo: lui è Donald Tusk, nominato a Bruxelles presidente del Consiglio europeo, una delle cariche di maggior prestigio e potere nel Vecchio Continente. Il premier placco, sul quale si è trovata l'intesa dopo un lungo tira e molla, è stato il primo a vincere due elezioni consecutive nel suo paese, la Polonia democratica, battendo la destra dei fratelli Kaczynski. Centrista e liberale, ha un buon rapporto con Angela Merkel, che infatti premeva per la sua nomina. Cinquantasette anni - è nato a Danzica il 22 aprile 1957 -, deve il suo nome, Donald, piuttosto insolito per un polacco, alla nonna che lo scelse in onore di un attore americano.

Ciminiere industriali - Tusk è laureato in Storia all'Università di Danzica, e da giovane ha militato in Solidarnosc, il sindacato fondato da Lech Walesa, che lo ha avvicinato al liberismo. Dal 1983 al 1990, sotto la legge marziale del gelerale Wojciech Jaruselski, lavorò nella pulizia delle ciminiere industriale, tutto il giorno appeso a un'imbracatura. A quel tempo, non riusciva a trovare lavoro. Appassionato di calcio, è sposato dal 1978 e ha due figli. Subito dopo la nomina ha affermato: "E' l'ultima volta che parlo in polacco".

Cattolico praticante - Tusk, dunque, raccoglie lo scettro di Herman Van Rompuy, suo predecessore alla presidenza del Consiglio Ue dal 2009. Diventa il secondo polacco a sedersi su una delle poltrone comunitarie di maggior prestigio, dopo Jerzy Buzek, ex capo del governo di Varsavia ed ex presidente dell'Europarlamento dal 2009 al 2012. Tusk, cattolico praticante, è considerato un politico pragmatico e non refrattario al cambiamento (propose un decreto sulle unioni civili, poi bocciato dal parlamento polacco).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agostino.vaccara

    01 Settembre 2014 - 15:03

    Sarà anche che ha studiato storia, però sembra che non abbia appreso niente da quanto studiato. Se avesse appreso qualcosa saprebbe che dagli esponenti di cruccolandia non c'è di che fidarsi. La Polonia dalla cruccolandia ha sempre subito danni enormi. Se Tusk avesse studiato bene ricorderebbe l'accordo tra hitler e stalin che prevedeva la fine della Polonia e la sua spartizione tra i loro stati.

    Report

    Rispondi

    • oleczka9134

      22 Settembre 2014 - 22:10

      Se dovessimo guardare sempre il passato chissà dove saremmo adesso.....gli ebrei gli ha sterminati Hitler, non la Merkel.....! Sono polacca e sono del parere che ricordare si, è importante ma oggi come oggi ha poco a che fare con la politica...e se Tusk si fida della Merkel è perché uno scopo ce l'avrà anche lui

      Report

      Rispondi

  • agostino.vaccara

    31 Agosto 2014 - 14:02

    Il vero problema dell'UE è che un qualsiasi idiota possa essere nominato solo perché lo vuole quella deficiente della signora merkel. Finché l'UE non si renderà conto che gli interessi di cruccolandia divergono da quelli dell'intera UE le cose sono destinate a peggiorare. Il vero problema dell'UE è solo la Germania non la mancanza di crescita perché senza la Germania la crescita ci sarebbe.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    31 Agosto 2014 - 11:11

    Differenze. La Merkel indica il capo del consiglio europeo. Renzi chiede un posto per la Mogherini!

    Report

    Rispondi

blog