Cerca

L'analisi

Silverstone, vince Marquez. Ma gli acuti sono di Lorenzo e Dovizioso

Andrea Dovizioso

Questione di feeling. Questione di sensazioni. Dovizioso lo aveva sfacciatamente preannunciato, Lorenzo lo aveva solo sconsolatamente sperato. A Silverstone vince ancora il “93”, ma l'acuto è roba per altri, per questi due qui, il rosso che recupera e il gladiatore che risorge.

Un raggio di sole fa il miracolo, mette il sorriso, scalda e rincuora: quelle maledette gomme così dure e indisciplinate finalmente divengono docili e trattabili. Lo Jorge piagnucoloso scompare, urla e scappa un novello “Incredibile Hulk”, tutto muscoli, tanta tenacia, cuore e coraggio a volontà. Dice di aver faticato tremendamente, condannato ad andare oltre, a fare di più per mettere una pezza a questa moto che, con le Bridgestone di ultima generazione e il suo stile guida rotondo e pulito, cozza senza soluzione. Di fatto, sfiora la vittoria agognata da troppo tempo, chiudendo, attaccando, in sostanza rispondendo a tono all'irriverente connazionale, partito una spanna sopra gli altri, arrivato sorpreso e ridimensionato.

Non ci doveva essere storia, in realtà c'è stata e come: un viaggio thrilling dal primo all'ultimo giro, illuminato da quel cielo azzurro, in definitiva unico responsabile e causa scatenante del risveglio del guerriero. Percezioni ed emozioni, convinzioni e sicurezza per un 2013 bis, per una metamorfosi conclusiva dopo gli inizi zoppicanti.

Non zoppica più invece la Ducati e il suo principale alfiere, timidi e cauti, per una volta prepotenti ed arditi. Andrea resta attaccato a Rossi e Pedrosa, intimorisce, torna tra i grandi. Rimane il rammarico del podio mancato, rimane la consapevolezza avallata dal cronometro della crescita. “Non si tratta più tanto di miglioramenti tecnici, quanto di fiducia che mi permette di spingere e osare” diceva Dovizioso al Sabato. Questione di feeling, appunto, di istinto, che predispone, carica, mobilizza risorse sconosciute.

E' la natura dello sport, l'essenza dell'animo umano: cosa non può il corpo fa la mente. Marquez è al sicuro, Rossi e Pedrosa si facciano domande: il circuito non sarà loro molto gradito ma 8” dai compagni di squadra sono molti, pesanti, un filo preoccupanti.

di Giulia Volponi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog