Cerca

Massima allerta

Terrorismo, il Viminale: "Ecco gli obiettivi degli jihadisti. Nel mirino anche le scuole"

Terrorismo, il Viminale: "Ecco gli obiettivi degli jihadisti. Nel mirino anche le scuole"

L'ombra lunga della minaccia islamica si allunga sull'Italia. Dal Viminale, negli ultimi giorni, sono partite cinque circolari di allerta. Sono state inviate a prefetti, questori e forze di polizia di tutto il Belpaese (la prima risale al giorno della decapitazione di Foley, il 20 agosto). Nel documento si chiede "con effetto immediato" il rafforzamento dei dispositivi di vigilanza. Ma non solo. Nei documenti, infatti - soprattutto dopo la decisione del governo di inviare armi ai peshmerga curdi - si chiede di intensificare l'attività di prevenzione contro attacchi terroristici. Nel dettaglio, la follia islamica potrebbe abbattersi contro le sedi istituzionali italiane, le ambasciate e i consolati. Ma non solo: i jihadisti progetterebbero attentati anche contro centri di cultura e scuole straniere, nonché contro uffici turistici.

"Massimo sforzo" - Nella prima circolare si chiede di dare "con effetto immediato" il massimo impulso possibile "ai servizi di prevenzione a carattere generale che rafforzino maggiormente dispositivi di vigilanza e controllo del territorio, attuando un’ulteriore sensibilizzazione delle misure di vigilanza e sicurezza a tutela degli obiettivi ritenuti sensibili". Poi, nel dettaglio, il riferimento ai luoghi a rischio: "Sedi diplomatiche e consolari e di interesse socioculturale, economico e religioso, compresi istituti scolastici e turistici". Inoltre il Viminale raccomanda maggiore attenzione alle personalità legate a Stati Uniti, Israele, Gran Bretagna, Iran e Iraq e alle loro residenze, al "fine di prevenire eventuali azioni delittuose". In un'altra circolare si precisa: "Si vorrà altresì avere cura di mantenere al livello di piena efficienza l’attività infoinvestigativa, al fine di cogliere notizie e segnali sulla possibile attuazione anche di imprecisate azioni delittuose".

I returnisti - In particolare l'intelligence italiana è preoccupata dai cosiddetti returnisti, ossia i jihadisti che, nei campi di addestramento in Medio Oriente, hanno imparato a combattere, per poi prendere parte alla guerriglia in Iraq e Afghanistan. La maggior parte di loro vive a Brescia, Torino, Padova, Bologna, Ravenna e in Veneto, da cui esercitano la loro attività di propaganda. I returnisti conoscono l'uso di armi e di esplosivo, anche se non sarebbero organizzate in cellule. In una circolare di qualche mese fa, in relazione alla morte del genovese Giuliano Delnevo, che andò a combattere in Siria, gli 007 nostrani specificavano: "La presenza di potenziali mujahidin pronti a fornire il proprio contributo alla causa si evidenzia soprattutto tra le fila degli "islamonauti" che si indottrinano sul web e animano gruppi di discussione e social forum".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 61.rossicarlo

    03 Settembre 2014 - 13:01

    Si! vogliono il massimo stato di allerta sottopagando le forze dell'ordine! (truppa). In questo stato di colonnelli e generali ci andassero loro a garantire il M. S. A. che sono gli unici ad avere gli aumenti salariali e di progressione di carriera!

    Report

    Rispondi

  • buonavolonta

    01 Settembre 2014 - 21:09

    non ci sono problemi 1)non abbiamo polizia visto i tagli dei governi alle FF OO 2)il terrorismo non si combatte se non si hanno uomini preparati3)abbiamo tolto la naja ai nostri giovani e nessuno sa come si fa sparare4) grazie ai tontoloni della sinistra abbiamo immesso sul territorio un numero eccessivo di mussulmani5) sicuramente il governo è al sicuro gli italiani un po meno

    Report

    Rispondi

  • zanzaratigre

    zanzaratigre

    01 Settembre 2014 - 20:08

    Vorrei rispondere a Peri Cle tra i commenti più sotto riportati per dirgli: "Sfotti pure che quando queste previsioni si avvereranno piangerai amaramente di aver, per così dire, "ragionato" in questo modo"!

    Report

    Rispondi

  • zanzaratigre

    zanzaratigre

    01 Settembre 2014 - 20:08

    Loro odiano i Cristiani e li massacrano e noi, coglioni, mi correggo i nostri governanti e chi li ha votati, coglioni, li accolgono a braccia aperte. Dovremmo cacciare TUTTI i musulmani dalla NOSTRA PATRIA e PER SEMPRE!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog