Cerca

Bankitalia, Fabrizio Saccomanni nominato "direttore generale onorario". Consumatori: "Chi paga?"

Bankitalia, Fabrizio Saccomanni nominato "direttore generale onorario". Consumatori: "Chi paga?"

Una poltrona in Italia non si nega a nessuno, specialmente se quel nessuno è stato un ministro. E così ecco che in sordina, per evitare ogni pubblicità, è stata ufficializzata la nomina dell'ex titolare dell'Economia nel governo Letta, Fabrizio Saccomanni, a direttore generale onorario di Bankitalia, carica creata (ad hoc?) appena lo scorso maggio. Scelta che ha scatenato la protesta di Adusbef e Federconsumatori, che in una lettera inviata a governo e gruppi parlamentari hanno chiesto se siano compatibili le misure di austerità ed i sacrifici richiesti da Bankitalia e Bce a lavoratori, famiglie e pensionati al minimo, con "tali nomine onorifiche". Nomine che a giudizio delle due associazioni "danno l'impressione di sperperi e sprechi".

L'accusa dei consumatori - I due presidenti di Adusbef e Federconsumatori, Elio Lannutti e Rosario Trefiletti, si chiedono "quali siano i costi che graveranno su tale carica confezionata ad hoc (auto blu, autista, segreterie, uffici, spese di rappresentanza?) per appagare l'auto-celebrazione dell'ex ministro dell'Economia" che, indicano in una nota "sarà ricordato per il regalo elargito alle banche di 7,5 miliardi di euro, proprio dalla rivalutazione delle quote di Bankitalia". "La situazione economica è così grave, che ogni giorno la Banca d'Italia invita governo e Parlamento all'austerità, a tagliare costi e spese, a ridurre pensioni e stato sociale che non ci possiamo più permettere. Ma come un Giano bifronte, Governatore Visco e Direttorio di Bankitalia, predicano bene, ma -  prosegue la nota - continuano a comportarsi come se la crisi sistemica, prodotta dai banchieri che hanno edificato piramidi finanziarie di sabbia piazzando titoli tossici anche per la scarsa vigilanza delle banche centrali, riguardasse solo i pensionati al minimo ed il 43% dei giovani senza lavoro, privati in Italia, di ogni speranza di futuro".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tiumario

    02 Settembre 2014 - 13:01

    e allora cosa centra il fatto che si prenda un'altra poltrona questi cervelloni sono talmente bravi da fare almeno dieci mestieri prendere sempre dieci stipendi, non è da tutti ad avere simili capacità, e mica sono come noi che non riusciamo a farne neanche uno. Il problema sarà del principale che lo deve pagare. o no?

    Report

    Rispondi

  • arwen

    02 Settembre 2014 - 10:10

    Lo sport preferito dalla CASTA! Collezionare poltrone. Nell'Italia "nuova" di Renzi, la CASTA la fa da padrone. E aspettate che la sciagurata riforma di Renzi divenga realtà. Ci saranno persone che ricopriranno, contestualmente, altri 2 p 3 incarichi! E poi, ci domandiamo perchè la spesa pubblica cresce e qualche imbecille se la prende con uno statale che porta a casa 1500 euro di stipendio!

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    02 Settembre 2014 - 08:08

    E più forte di loro lo hanno nel dna banche e assicurazioni uguale truffe legalizzate e pantalone paga

    Report

    Rispondi

  • tizi04

    02 Settembre 2014 - 07:07

    E il bambinone parla di spending review, ho capito basta dargli un gelato, lo mandi a giocare in cortile e lui e` contento. poi lo mandi in gita in qualche paese e senza se e senza ma ci ritroviamo che le spese in dolci aumentano. Ma i sinistri sono contenti di averlo votato?dove sono? fino al 2011 tutti i giorni si parlava di Berlusconi adesso la politica e` diventato un argomento tabu.Come mai?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog