Cerca

Le sentenze della Cassazione

Amministratore di condominio, se sbaglia paga

Amministratore di condominio, se sbaglia paga

Anche l'amministratore di condominio sbaglia se non fa bene il proprio lavoro. Lo ricorda il Sole 24Ore, che cita due sentenze della Corte di Cassazione che stabiliscono che all'amministratore deve curare che "i beni comuni non arrechino danni agli stessi condomini o a terzi" , quest'ultimo è responsabile dei danni cagionati dalla sua negligenza, dal cattivo uso dei suoi poteri e di qualsiasi inadempimento dei suoi obblighi legali o regolamentari. "Qualora anche senza colpa grave (essendo l'incarico non gratuito) l'amministratore, nel venir meno ai propri obblighi contrattuali, causi un danno ai condòmini, - scrive il Sole 24 Ore -  ne dovrà rispondere personalmente. Per esempio, quando non abbia eseguito una delibera assembleare (Cassazione, sentenza 7103/2013), se da tale omissione sia derivato un danno ai condòmini, oppure per aver eseguito una delibera che non andava eseguita in quanto contraria alla legge". 

Le responsabilità - Insomma, per mettersi al riparo da azioni personali di responsabilità che i condomini gli possono rivolgere, l'amministratore deve esercitare il proprio mandato nel rispetto delle norme di legge. Deve intervenire per eliminare quelle situazioni pericolose, relative alla parti comuni dell'edificio, dalle quali potrebbe derivare un danno a terzi o agli stessi condomini. Il nostro codice penale - ricorda il Sole - non prevede una figura di reato propria dell'amministratore di condominio: a lui tuttavia possono riferirsi una serie di fattispecie penali relative alla attività svolta. È il caso, per esempio del reato di ingiurie o di diffamazione, del quale è stato ritenuto colpevole l'amministratore che aveva inviato a tutti i condòmini una lettera ove veniva evidenziata la morosità di uno di loro. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    02 Settembre 2014 - 14:02

    QUESTO DEVE VALERE PER TUTTI NESSUNO ESCLUSO. Così si può cambiare il paese e chi è attualmente assunto nella PA deve dimostrare le sue VERE competenze altrimenti a casa.

    Report

    Rispondi

  • Oscar1954

    02 Settembre 2014 - 11:11

    Mi par giusto che tra il comune popolino ci siano sempre e solo responsabilità, ancorchè di natura penale. Ma perchè le stesse rersponsabilità non esistono per i parlamentari, magistrati, funzionari pubblici, etc , etc. Questi ultimi rubano a iosa, fanno immense cazzate e nessuno gli dice o gli fa niente. Devo proprio dar ragione alla figlia del povero Marò lasciato in balia di se stesso

    Report

    Rispondi

blog