Cerca

L'editoriale

Ma è contro la camorra che Napoli si deve rivoltare

9 Settembre 2014

8

Mariano Bottari era un pensionato di 75 anni che cinque settimane fa, il 29 luglio per l’esattezza, ha commesso l’errore più grande della sua vita: è uscito di casa all’ora sbagliata. Così, mentre andava al supermercato a fare la spesa, è finito nel bel mezzo di una sparatoria e ci è rimasto secco. Colpito per caso da un proiettile vagante, come ogni tanto succede a Napoli. Per Mariano Bottari però non ci sono state manifestazioni né proteste. Nessuno è sceso in piazza e ha assaltato le auto dei boss, né sono state prese di mira le case degli appartenenti ai clan. Neppure una minaccia su Facebook per i componenti del clan assassino e dire che nell’ambiente le cose si sanno e se non quelli dei sicari circolano i nomi degli affiliati alla camorra. Tutti zitti, non come è successo per la morte di Davide Bifolco. (...)

Clicca qui, acquista una copia digitale di Libero e leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    10 Settembre 2014 - 07:07

    A Napoli lo stato italico ha perso perché il Sud da 153 anni è una colonia del Nord Italia buona solo a ricevere la spazzatura radioattiva della padania e le mance in cambio di voti...spevo vivamente che i terroristi islamici distruggano questo paese di merda nato male e destinato alla fine !

    Report

    Rispondi

  • doberman

    09 Settembre 2014 - 17:05

    Ripristinare la legalità in quel contesto è una missione impossibile , se ci fosse stata in città un'amministrazione di centro destra ......apriti cielo , si sarebbe messa in moto la famosa macchina rossa del fango , purtroppo dopo tanti anni di amministrazione di csx la città è sempre la stessa se non peggio , che brutto vizio nel bel paese puntare il dito sempre a Roma .

    Report

    Rispondi

  • Waddie

    09 Settembre 2014 - 17:05

    Ma per rivoltarsi ci vogliono: senso di legalità, di bene comune, di rispetto delle regole, considerazione dei beni pubblici intesi come patrimonio di tutti. Tutto questo non ci può essere e non c'è in un posto dove la normalità E' l'illegalità, e questo è evidente agli occhi di tutti (quelli disposti a vederlo).

    Report

    Rispondi

    • highlander5649

      09 Settembre 2014 - 20:08

      waddie, al sud non è TUTTA illegalità, è solo maggioranza. è la mentalità il sud è diviso più di noi : o si lavora per lo stato o si lavora per la *famiglia* la famiglia non è solo mitra coppole e vendette trasversali come nei telefilm la famiglia è anche impresa agricola industriale o edile dove esiiste anche un minimo di legalità per ottenere gli appalti.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

media