Cerca

L'escluso

Antonio Conte punge Mario Balotelli: "Serve gente che ha fame, non fama"

Antonio Conte punge Mario Balotelli: "Serve gente che ha fame, non fama"

Una vittoria del gruppo. Si dice sempre così ma a volte è vero, e nel caso di Antonio Conte (versione 2.0, quella da allenatore) lo è ancor di più: un punto fermo, quasi un marchio di fabbrica. Sul mantra del gruppo, sulla coesione, sull'unione che fa la forza l'ex tecnico della Juventus ha puntato tutto e, cosa importante, ha vinto tutto: 3 scudetti in 3 anni. Vincere con la Norvegia, all'esordio ufficiale (2-0, Zaza  e Bonucci) è stato un segnale importante, il gruppo conta, in nazionale ancor di più, soprattutto dopo la bufera del Mondiale brasiliano e le polemiche tra senatori e i cosidetti "giovani" nel team Italia è tornata una certa amalgama.

Zaza o Mario? - "È stata una liberazione, non era semplice vincere qui, era da tantissimo che non lo facevamo. In pochi giorni abbiamo fatto subito cose importanti, ora miglioreremo il gioco e ci conosceremo di più. Buffon non ha sporcato i guanti, potevamo fare anche più gol. Non sarà facile per le altre fare tre punti qui" ha detto il tecnico, visibilmente soddisfatto per i tre punti, per il gioco sviluppato e sì, della risposta che il gruppo ha dato alla prima ufficiale. Ma è sulla scelta di lasciare a casa Mario Balotelli e di puntare sul semi esordiente Zaza, Antonio Conte ha ribatito il concetto "Io ho bisogno di gente che ha fame, non di gente che ha fama. Indietro non si torna. A me serve gente che abbia voglia di ‘alzare il campo’. Che quando finisce la partita lo debbano rizollare. Mi serve gente che pensi e giochi per la squadra". Capito Mario?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francescos

    10 Settembre 2014 - 12:12

    Non fate gli spirItosi su la gente che dovrebbe avere FAME, so che ora ce ne sono tanti,ma se ci impegnassimo tutti e dico tutti sarebbe piu facile e non aspettare sempre cosa potrebbe fare lo Stato per noi, ma cosa potremmo fare noi per lo "stato",... mi sembra una frase famosa ...mahh chi l'ha detta???? Concetto sconosciuto agli italici abituati solo a farsi imboccare da MAMMONE STATO.

    Report

    Rispondi

  • francescos

    10 Settembre 2014 - 12:12

    Concetto fondamentale ,nello sport e nella vita anche in politica,se fossimo tutti cosi noi italiani non saremmo in queste condizione,esportiamo il modello anche nella vita pubblica di tutti.

    Report

    Rispondi

  • paolone67

    10 Settembre 2014 - 12:12

    Amalgama è un sostantivo maschile. Quindi si scrive "un certo amalgama" non "una certa amalgama"

    Report

    Rispondi

blog