Cerca

L'editoriale

La legge vieta la prigione per gli scippatori

12 Settembre 2014

1

I lettori milanesi sono stati informati da poche righe in cronaca. Se riassumo la vicenda è dunque ad uso e consumo di chi non riceve le pagine dedicate al capoluogo lombardo. Martedì, in una zona centrale e ben frequentata della città, una donna di 68 anni è stata seguita fin dentro l’androne del palazzo in cui abita, dopo di che le è stata strappata la collanina che portava al collo. Lo scippo ha avuto un esito violento, perché nella colluttazione che ne è seguita la vittima ha riportato ferite al collo. Non fosse per il seguito, si potrebbe dire che si è trattato di un episodio di ordinaria criminalità che ormai si registra quotidianamente nelle nostre metropoli. Sennonché lo scippatore una volta presa la collanina e fuggito è stato inseguito da un avvocato, il quale con la collaborazione di altri passanti è riuscito ad acciuffare il ladro. Tutto bene dunque? No, per niente, in quanto il bandito, una volta portato di fronte al magistrato, si è visto togliere le manette e rimandare a casa invece che in cella. Non dico che gli siano state rivolte delle scuse, ma quasi, e la colpa per una volta non è del pm ma della legge che pur non condividendo (...)


Clicca qui, acquista una copia di Libero e leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • highlander5649

    12 Settembre 2014 - 09:09

    agli elettori di pd e pdl e cricca varia avete votato questi partiti? vi sentiite più sicuri per strada? questi sono i regali dei vostri amati politici che voi avete votato. unico encomio alla lega che come sempre si oppone a queste leggi vomitevoli quando neanche un kabobo qualsiasi deve scontare la pena.

    Report

    Rispondi

media