Cerca

Il nuovo ruolo

Fi, Fitto: "Disagio per metodi adottati dalla Rossi"

Fi, Fitto: "Disagio per metodi adottati dalla Rossi"

"Lascia allibiti il fatto che il presidente Berlusconi possa consentire alla senatrice Rossi di distribuire, controllare, rilasciare o ritirare ’patenti' sulla legittimità dello stare nel partito, e sulla correttezza o meno delle opinioni e delle tesi politiche altrui". Raffaele Fitto lo scrive sul suo blog commentando le dichiarazioni di Mariarosaria Rossi, amministratore straordinario del partito. "Ritengo che nè la senatrice Rossi nè altri, in un movimento liberale, possano anche solo lasciar intendere nulla di simile. Così come ritengo che nè la senatrice Rossi nè altri abbiano titoli o
legittimazione tecnico-giuridica e statutaria nonchè politica per ipotizzare cose di questo genere", aggiunge Fitto "Credo - conclude - che sia sempre più forte il disagio di tanti colleghi parlamentari, di amministratori, iscritti e militanti, per un metodo che addolora e lascia perplessi. E lo dice - sia ben chiaro - chi, come me, ha sempre ritenuto e ritiene che Forza Italia sia stata, sia e sarà ancora anche casa propria".

In un’intervista a Repubblica la senatrice Rossi è tornata a parlare della situazione economica del partito e minacciato i morosi: "Siamo messi malissimo. Non c’è una lira. Sono arrabbiata: dobbiamo renderci conto che il Presidente ci ha dato tanto e per noi, adesso, è il momento di dare. Chi non lo capisce - dice - non può stare nella nuova Forza Italia". Nella conversazione con il giornale diretto da Ezio Mauro, la Rossi critica lo stesso Fitto, che reclama le primarie: «Ognuno ha le proprie ambizioni. Le primarie però non sono previste. Da noi non se ne parla, magari è possibile tentare altrove...".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Uchianghier

    Uchianghier

    13 Settembre 2014 - 10:10

    Si ONOREVOLE, ma le quote le ha pagate?

    Report

    Rispondi

blog