Cerca

La mossa

Antonio Catricalà: "Ritiro la mia candidatura alla Consulta"

Antonio Catricalà: "Ritiro la mia candidatura alla Consulta"

Duro stop per l'elezione dei membri della Consulta. Antonio Catricalà rinuncia ed esce dalla scena. "Ringrazio i parlamentari che mi hanno votato ma chiedo loro di non sostenere ulteriormente la mia candidatura" per la Consulta. "Non vorrei mettere a rischio la mia immagine professionale e spero che il Parlamento possa più facilmente superare le contrapposizioni che hanno finora ostacolato l’elezione dei due Giudici costituzionali", ha concluso. La rinuncia di Catricalà arriva dopo la fumata nera di ieri. 

La fumata nera - Nella votazione infatti nessun candidato ha raggiunto il quorum richiesto dei tre quinti dei componenti dell'Assemblea. Servirà quindi una nuova votazione, la decima. Luciano Violante resta il più votato con 468 voti. I suoi consensi sono aumentati rispetto a ieri (ne aveva 429). Erano lievitati anche i voti Catricalà, è arrivato a quota 368 a fronte dei soli 64 di ieri sera. Il quorum richiesto per essere eletti è tuttavia di 570 voti. Ora riparte il toto-nomi per capire chi debba sostituire Catricalà nella corsa verso la poltrona. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • zhoe248

    13 Settembre 2014 - 15:03

    Gira e rigira ala fine questo è quello che interessa i partiti: le poltrone da occupare che rimangonoo sempre appannaggio dei soliti deretani: persa una sedia se ne occupa subito un'altra. B non sa scegliere candidati utili alla causa. Il caso Vietti pare non avergli insegnato niente. Catricalà è sponsorizzato da letta sr. Non capisco B cosa ci trovi di geniale nel suo cerimoniere di corte.

    Report

    Rispondi

  • piero.zanello

    13 Settembre 2014 - 08:08

    L'attuale strategia politica di Forza Italia è definitivamente votata al suicidio. Al di là del ridicolo appoggio a Renzi e della pietosa rincorsa alla riunione con NCD, la candidatura di A. Catricalà alla Consulta suona come l'ultima follia. A quale titolo Catricalà, che si è sempre caratterizzato per plateali contrapposizioni rispetto a Berlusconi e al PDL, dovrebbe rappresentare Forza Italia?

    Report

    Rispondi

  • geompiniliberoi

    13 Settembre 2014 - 06:06

    in FI hanno fatto bene a non votarlo, è ora che gianni letta cerchi di imporre le sue scelte, ha fatto abbastanza danni al cdx, comunque non ha avuto i voti del csx, come al solito su queste cose il cav. si fa fregare dai sinistronzi, ma a lui interessa poco , importante farsi i propri affari

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    12 Settembre 2014 - 19:07

    Una cosa non ho mai capito: perché i magistrati sono tutti meridionali? Anzi, tutti i poliziotti,i carabinieri, i finanzieri e tutti quelli che in qualche modo hanno a che fare con la legge e la giustizia e più in generale hanno un impiego statale sono originari dell'Italia meridionale. Forse è anche per quello che la Lega Nord guadagna terreno...

    Report

    Rispondi

    • fonty

      fonty

      16 Settembre 2014 - 13:01

      Scelgono lo statalismo perché è un lavoro sicuro, non si ammazzano di lavoro, anzi.. e poi chissà una tangentina qua, una là tanto per arrotondare.

      Report

      Rispondi

    • bruno osti

      13 Settembre 2014 - 10:10

      forse perché nel meridione (genericamente) mancano le industrie e tutto quanto a loro correlato e che ne derivi? E' inevitabile che chi studia (sempre in generale), scelga le materie umanistiche e non l'impesa. L'Italia intera, nel confronto coi Paesi del nord Europa, ha la stessa posizione del sud Italia col Nord Italia

      Report

      Rispondi

    • demetrio45

      13 Settembre 2014 - 06:06

      perché? non sanno che cazzo fare. si mettono a succhiare dalle mammelle delle stato.

      Report

      Rispondi

blog