Cerca

Sbadato

Tutti gli scivoloni di Guierini sull'inchiesta sui rimborsi del Pd

Tutti gli scivoloni di Guierini sull'inchiesta sui rimborsi del Pd

Lorenzo Guerini, vicesegretario del Pd, parla, in un’intervista a Repubblica, dell’inchiesta che sta travolgendo il partito in Emilia: «Da cittadino mi lascia perplesso che un procedimento per peculato rimanga aperto per due anni. Forse sarebbe stato meglio risolvere la cosa in tempi più rapidi». Giustizia a orologeria, quindi? No. Perché, come già scritto da Libero, il procedimento non è partito due anni fa ma nell’ottobre 2013. E a far uscire la notizia ora sono stati gli avvocati degli indagati. Insomma, da cittadino Guerini può anche essere perplesso, ma da vicesegretario del Pd dovrebbe informarsi meglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    15 Settembre 2014 - 10:10

    "...Insomma, da cittadino Guerini può anche essere perplesso, ma da vicesegretario del Pd dovrebbe informarsi meglio." Lui non ha MAI detto che è giustizia ad orologeria, come invece faceva qualcun altro di cui, ora, ci si vuole dimenticare. Visto che le indagini sono reative a 4300 euro in due anni, meno di 200 al mese !!! e solo per trasferte, forse tale inchiesta poteva avere tempi meno lungh

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    15 Settembre 2014 - 09:09

    "...Perché, come già scritto da Libero, il procedimento non è partito due anni fa ma nell’ottobre 2013. E a far uscire la notizia ora sono stati gli avvocati degli indagati." Esattamente come succedeva per Burlesque, ricordate?

    Report

    Rispondi

  • alvit

    15 Settembre 2014 - 08:08

    ahahahahah questo ha dimenticato di essere un komunista e pertanto appartenente ad un partito di grattaborse.

    Report

    Rispondi

  • encol

    15 Settembre 2014 - 07:07

    Il PCI,PDS,DS,PD non è il solo partito di ladri ma di certo li batte tutti.

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      15 Settembre 2014 - 09:09

      gli attuali indagati lo sono per spese non (ancora) giustificate per viaggi, pranzi, due pernottamenti per convegni ed incontri politici, per un ammontare di 4.300 euro in due anni: meno di 200 al mese!!!! Non per comperarsi ville, mega SUV, fare crociere, yacht e aragoste, acquistare diamanti, o mutande verdi.

      Report

      Rispondi

blog