Cerca

Campionato

Juve e Roma: ecco le pagelle di Libero

Juve e Roma: ecco le pagelle di Libero

La Juventus batte l’Udinese (2-0) con i gol di Tevez (7’ pt) e Marchisio (30’ st). Tre punti che confermano la forza dei bianconeri, ma anche che l’addio di Conte non sembra aver inciso più di tanto. I padroni di casa vanno subito in gol con Tevez, l’Udinese (ieri sera in maglia blu) è smarrita. Marchisio, nel secondo tempo, chiude il match. Mister Stramaccioni recrimina per un gol annullato (per fuorigioco) nella ripresa, ma la sua squadra ha mostrato poca personalità. E sabato prossimo c’è già Milan-Juventus.

JUVENTUS (3-5-2)
BUFFON SV: spettatore non pagante durante il match.
CACERES 6: l’uruguaiano fa il suo compito con diligenza. Copre quando gli esterni friulani cercano di passare dalla sue parti. Per questo motivo, probabilmente, si spinge poco in avanti.
BONUCCI 6.5: guida la difesa con la solità eleganza. Chiude bene sugli avanti dell’Udinese ed è il primo a rilanciare la manovra juventina.
OGBONNA 6: ha ancora qualche problema di personalità. Schierato a sinistra della difesa a tre dellaJuve per sostituire l’infortunato Chiellini, lo fa al suo meglio.
LICHTSTEINER 6.5: solita partita a tutto sprint dello svizzero. Macina chilometri sulla fascia destra ed è l’autore dell’assist del gol di Tevez.
PEREYRA 7: la grande sorpresa della serata. Classe, colpi di tacco, personalità e sostanza per l’argentino che sostituisce Vidal. In campo, a vederlo giocare, sembra essere il suo sosia. E non soltanto per il taglio di capelli (dal 40’ Padoin sv).
MARCHISIO 6.5: questa volta Allegri, a differenza della partita contro il Chievo, gli affida le chiavi del centrocampo bianconero privo ancora di Pirlo. Lui lo ripaga con un gran gol.
POGBA 6.5: il francese è una continua forza della natura. Cerca la rete appena può, ma fa anche tanta legna a centrocampo.
EVRA 6.5: si propone molto spesso in attacco, favorito anche dalla poca pressione degli avversari. Gioca di sponda e si inserisce molto bene tra le maglie difensive dell’Udinese.
LLORENTE 6.5: grande intelligenza tattica dell’attaccante spagnolo. Fa salire la squadra e dà respiro alla manovra. Gli manca soltanto il gol (dal 44’ st Morata sv).
TEVEZ 7: una rete e un assist. È sempre pericoloso, ma copre anche in mezzo al campo. La solita certezza (dal 36’ st Coman sv).
(di Giampiero De Chiara)


Anche la Roma B sa «vincere da grande squadra». Soffre e porta via tre punti da Empoli, dove la squadra di Sarri ingabbia i giallorossi nel primo tempo. Maicon trova il palo, la fortuna restituisce con gli interessi al 45': tiro da fuori di Nainggolan, rimpallo sul palo e poi sulla schiena del portiere per lo 0-1. Poche occasioni nella ripresa: tre punti e titolari riposati per l'esordio di Champions con il Cska Mosca.
EMPOLI (4-3-1-2)
SEPE 6.5: bravo e sfortunato, l’autogol è una beffa crudele.
LAURINI 6.5: conosce i limiti fisici di Cole e ne approfitta per schiacciarlo.
RUGANI 6.5: comanda a perfezione la linea: ogni volta che la Roma sceglie il lancio lungo, la difesa dei toscani è già arretrata.
TONELLI 6: rischia il rigore in un paio di occasioni, prima su Destro e poi "parando" il tiro di Pjanic.
HYSAI 5.5: schiacciato ad attendere Maicon, lascia campo al brasiliano e a Florenzi.
VALDIFIORI 6.5: il migliore del primo tempo, sfrutta la grande libertà che gli lascia il centrocampo della Roma. Pennellate e verticalizzazioni da grande giocatore.
CROCE 5.5: tanta corsa e pressing, poca qualità (dal 35' st Zielinski sv).
VECINO 5.5: poco continuo. Ha sulla coscienza il ritardo con cui esce su Nainggolan (dal 17' st Moro 5.5).
VERDI 6.5: la spina nel fianco di De Rossi, troppo lento per stargli dietro (dal 17' st Pucciarelli 5.5).
MCHEDLIDZE 6: qualche spallata, tanti colpi di testa e un tiro che scalda le mani a De Sanctis. A Palermo Sabatini non ci aveva visto poi tanto male.
TAVANO 5: i tempi della sua breve stagione giallorossa sono lontani, ma forse si fanno sentire. Sparisce nel corso della partita.

ROMA (4-3-3)
DE SANCTIS 6: tanta tensione e pochi veri pericoli.
MAICON 7: l’unico terzino a spingere. E la differenza si vede. Il palo al 40’ grida vendetta, per fortuna rimedia Nainggolan. Quanto cresce nella ripresa...
MANOLAS 6.5: ci si riempie tanto la bocca sulla «necessità di adattarsi al campionato italiano». I buoni giocatori non ne hanno bisogno.
CASTAN 6.5: esordio stagionale ad alto livello, si trova già bene col nuovo compagno. Esce per prudenza (dal 1' st Astori 6: vita facile contro Tavano).
COLE 5.5: un giocatore delle sue qualità va aspettato. Sarà un caso, ma il suo primo affondo coincide col vantaggio.
PJANIC 5: svagato, impreciso e la manovra di Garcia ne risente. Non si può aspettare Strootman per iniziare a giocare bene (dal 23' st Keita sv).
DE ROSSI 5: forse il doppio impegno in Nazionale si fa sentire, ma vede i sorci... Verdi. Anche un po’ nervoso.
NAINGGOLLAN 7.5: leziosità e lanci lunghi. Poi l'urlaccio di Garcia lo accende: spegne Valdifiori, pressa tutti e decide il match.
FLORENZI 6: le cose migliori davanti arrivano dai suoi spunti. Ispirato, grintoso e polivalente come piace a Garcia. E a Conte.
DESTRO 5.5: è la sua serata dopo tanta attesa. Si sbatte tanto per liberare spazio ai compagni e finisce nell’ombra.
LJAJIC 5: competere con Gervinho è difficile, ma bisognerebbe almeno provarci (dal 37' st Gervinho sv).
(di FRANCESCO PERUGINI)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog