Cerca

Editoriale

Il referendum scozzese benzina sul fuoco che cova nel Nord

16 Settembre 2014

4

Giovedì gli scozzesi decideranno del proprio futuro e il Regno Unito dopo trecento anni potrebbe all’improvviso ritrovarsi disunito. Secondo il premier di Edimburgo, Alex Salmond, la Scozia da sola avrebbe un Pil pro capite più alto della Francia e del Giappone, oltre che della stessa Gran Bretagna, ma soprattutto potrebbe contare sul 60 per cento delle riserve petrolifere e di gas dell’Europa. Insomma, nonostante gli allarmi lanciati dai partiti di Westminster, gli appelli della Regina e della City, buona parte degli scozzesi è propensa a credere che senza gli inglesi starà meglio ed è per questo che il sì al referendum per il divorzio da Londra rischia di ottenere la maggioranza, provocando un terremoto in Europa e sui mercati finanziari.
Quel che succede di là dalla Manica dovrebbe far riflettere anche chi sta di qua dal Po, soprattutto in queste ore. Perché è vero che non c’è più Umberto Bossi a fomentare la secessione della Padania e che la Lega dopo la laurea del Trota non è più quella di una volta, però a volte basta poco per invertire la tendenza.

Continua a leggere l'editoriale di Maurizio Belpietro su Libero in edicola oggi,
martedì 16 settembre o acquista l'edizione digitale

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • farinaro74

    17 Settembre 2014 - 00:12

    La Padania! Ma che cos'è? Una piadina che si mangia? Sveglia bauscia, il pericolo sta a Sud. Perchè, se non l'avete ancora capito, chi proverà a scappare sarà la Sicilia. E poi ve lo fate spiegare da Feltri come la prenderete nel cul!

    Report

    Rispondi

  • diwa130

    16 Settembre 2014 - 14:02

    Solo degli sprovveduti ignoranti di storia possono confrontare la situazione del Regno Unito con quella dell'Italia ed in particolare del Nord. La Scozia era una nazione indipendente e gli scozzesi hanno una lingua propria (come il Galles), anche se non la usano piu'. La "padania" e' solo una creazione di menti bacate e non c'e' nessun fondamento storico.

    Report

    Rispondi

    • blues188

      17 Settembre 2014 - 07:07

      Le 'menti bacate' padane, però, non prendono pensioni fasulle e neppure vanno in motorino in tre e senza casco. In quanto alla lingua, basta pagare e si viene 'riconosciuti'. Pagando, beninteso, con soldi non propri ma avuto in regalo proprio da chi viene insultato. Vincere facile ti piace, eh, diwa130?

      Report

      Rispondi

    • diocleziano48

      16 Settembre 2014 - 18:06

      Mi pare che non faccia una piega!

      Report

      Rispondi

media