Cerca

Prostituzione minorile

Baby squillo a Roma, nell'inchiesta spunta un senatore di centrodestra

Baby squillo a Roma, nell'inchiesta spunta un senatore di centrodestra

Non è iscritto nel registro degli indagati e gli uomini di via in Selci non gli hanno notificato alcun atto, ma tra i nomi dei clienti delle studentesse che “collaboravano” con il fotografo romano Furio Fusco, arrestato lo scorso 8 luglio nell’ambito di un’operazione sulla prostituzione minorile, potrebbe esserci quello di un senatore di centrodestra.

Gli uomini dell’Arma non confermano le indagini sul deputato. Al momento stanno lavorando sugli archivi e le attività dei computer di Fusco, cercando di scoprire a chi fossero indirizzate le mail con le foto delle ragazze.Sul senatore al momento non ci sono indagini in corso. ll nome sarebbe stato fatto, invece, durante gli interrogatori delle tre ragazze minorenni (due di quattordici anni e una di diciassette), di famiglie definite «normali» e in quello della diciottenne indagata Ilaria Seghesio, la ballerina di burlesque, che si esibisce con il nome d’arte “Marsh mallow”, che avrebbe favorito l’attività illecita del fotografo. Le ragazze hanno raccontato che per il parlamentare Fusco avrebbe preparato una sorta di book fotografico su misura. Giovani donzelle che il senatore avrebbe voluto portare con sé in vacanza a Dubai. Gli inquirenti non confermano quello che al momento definiscono soltanto «gossip» anche se «dal materiale raccolto ci potrebbero essere relazioni verosimili».

Al fotografo 51enne intanto domenica è stato notificato un nuovo arresto. L’accusa è di violenza sessuale aggravata, anche se non si è trattato di rapporti completi, nei confronto delle minorenni. Le nuove contestazioni si basano su nuove testimonianze delle ragazze coinvolte che hanno raccontato di atti sessuali che avrebbe compiuto Fusco contro la loro volontà nel corso delle sedute fotografiche nel suo studio di Via Livorno a Roma. Dall’analisi del cellulare sequestrato del fotografo delle modelle sono state trovate circa 900 foto di natura pedopornografica. La misura cautelare gli è stata notificata nel carcere di Regina Coeli dove Fusco è attualmente recluso.

di Chiara Pellegrini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • willyroger

    17 Settembre 2014 - 16:04

    fuori il nome , è senz'altro amico di quel buffone delle olgettine

    Report

    Rispondi

  • FRAGO

    16 Settembre 2014 - 17:05

    Ci scommetti che tira tira il nome esce fuori, al di fuori del segreto istruttori, mentre degli altri clienti anche se condannati con rito abbreviato non si sa niente e ai giornali e media in genere nulla importa. Ma se è politicamente impegnato a destra o è solo un marito tutto viene fuori e a nessuno fraga niente del segreto istruttorio.

    Report

    Rispondi

  • Chry

    16 Settembre 2014 - 15:03

    si sapeva che dove c'è il marcio e la prostituzione minorile ci squazza la destra.

    Report

    Rispondi

    • arwen

      16 Settembre 2014 - 17:05

      Hai ragione, la sx sguazza solo tra trans e festini a base di cocaina....A ognuno il proprio trogolo!

      Report

      Rispondi

  • franco34fabbri

    16 Settembre 2014 - 15:03

    Quanta ipocrisia se avessi più quattrini e qualche anno meno sarei anch'io un potenziale cliente delle cosi dette baby che di baby non hanno niente e come me tanti falsi moralisti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog