Cerca

La cupola degli appalti

Expo, vie d'acqua: indagato l'uomo di Padiglione Italia, Antonio Acerbo

Expo, vie d'acqua: indagato l'uomo di Padiglione Italia, Antonio Acerbo

Nella mattinata di mercoledì 17 settembre la Guardia di Finanza ha altre magagne nei meandri di Expo 2015. Tra gli indagati ci finisce pure Antonio Acerbo, il direttore del Padiglione Italia e commissario delegato alle Opere infrastruttturali, nel mirino per corruzione e turbativa d'asta. Dalle indagini è emerso che Acerbo avrebbe favorito il gruppo Maltauro sull'appalto delle "Vie d'Acqua". Il presidente Anticorruzione Raffaele Cantone ha dichiarato: "Se fosse vero, è un problema".

L'inchiesta dei pm - Cantone spiega che "negli ultimi incontri con Diana Bracco il rappresentante tecnico per Padiglione Italia è sempre stato l'ingegner Acerbo e questo può essere un problema", e con Acerbo tagliato fuori il proseguimento dei lavori potrebbe subire rallentamenti. E di tempo ce n'è già poco. Su mandato dei pm Claudio Gittardi e Antonio D'Alessio, la Guardia di Finanza di Milano ha avuto il via libera a procedere con le perquisizioni nei confronti dell'indagato perché sospettato di avere favoreggiato illecitamente l'imprenditore Giuseppe Maltauro per gli appalti di Vie d'Acqua, iniziativa di punta di Expo 2015 che mira alla rivitalizzazione di un anello ecologico attorno Milano. Ora la società Expo dovrà fornire gli atti che contestano il progetto via delle acque.

La cupola degli appalti - Acerbo è stato fregato dallo stesso "giro" in cui era coinvolto. Enrico Maltauro, il beneficiario dell'appalto agli arresti domiciliari nell'ambito dell'inchiesta della Procura sulla presunta cupola degli appalti, durante gli interrogatori ha svelato numerose operazioni della "squadra" e ha più volte rimarcato la stretta amicizia tra lui e Acerbo. Quest'ultimo risultava nelle "liste nere" degli indagati già dalle famose intercettazioni che hanno incastrato lo scorso maggio Greganti e Frigerio. La Procura ora procederà con le indagini e chiuderà un altro cerchio di corruzione. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcoaliaslosciccoso

    18 Settembre 2014 - 12:12

    AVVISO AI NAVIGANTI Oramai anche il Nord è sotto i tentacoli della mafia e le compiacenze locali. A forza di cantare slogan contro il Sud per sembrare belli, ne state prendendo le sembianze. La mafia è presente dove c'è da prendere, ha mille volti, quello dell'imprenditotre, politico etcc.

    Report

    Rispondi

  • tristano.libero

    18 Settembre 2014 - 11:11

    Ancora questi Giudici che cercano di bloccare l'Expo. E basta !!! Mah sì avranno rubato e stanno rubando, ci saranno dei corrotti ma cosa volete che sia di fronte ad un avvenimento così importante. Perché non vanno ad arrestare quelli dei regimi comunisti che ammazzano la gente, altro che innocue tangenti. NO non sono impazzito, questi sono i commenti dei bananas berluscones.

    Report

    Rispondi

  • tizi04

    18 Settembre 2014 - 08:08

    scommettiamo che e` vicino ai sinistri, ma non lo si puo` dire? Se era del cdx allora ci sarebbe stata la frase"..anche l'esponente di centro desctra..." Mi raccomando se e` vicino alla COOP non si puo`:"La COOP sei tu, chi puo` 'prendere' di piu`?"

    Report

    Rispondi

blog