Cerca

In manette

Australia, sventato piano terroristico dell’Isis: 15 arresti

Australia, sventato piano terroristico dell’Isis: 15 arresti

I jihadisti pronti a colpire fuori anche lontano da Siria e Iraq. Le cellule dell'Isis si mobilitano in tutto il mondo per preparare attentati e gesti eclatanti come decapitazioni da dare in pasto al web. Così è scattato l'allarme in Australia. UNa presunta cellula dell’Isis voleva rapire una persona in Australia e decapitarla filmandone l’esecuzione. Un omicidio che sarebbe stato ispirato da un jihadista d’origine australiana attualmente in Siria. La notizia è emersa dopo una grande operazione della polizia australiana che si è svolta in diverse località del paese.

Il piano - Una task force composta da centinaia di agenti ha condotto perquisizioni a Sydney e Brisbane eseguendo poi fermi in ambienti legati alla nebulosa radicale. Almeno 15 persone sono state trattenute dopo la confisca di numerosi documenti ritenuti utili per le indagini. La retata fa seguito ad altri interventi dell’autorità giudiziaria contro simpatizzanti e reclutatori della fazione. 

Le cellule estremiste - Per gli investigatori alcuni estremisti avevano pianificato un’azione clamorosa per seminare il terrore e dimostrare come l’Isis sia in grado di agire anche lontano dal suo teatro. I militanti dovevano avvolgere il rapito in una bandiera del movimento e poi decapitarlo. Tutto ovviamente filmato a fini di propaganda: il video dell’esecuzione sarebbe stato postato sul web.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • highlander5649

    18 Settembre 2014 - 14:02

    beh se in italia vogliono rapire qualcuno, ce lo dicano noi abbiano centinaia di nominativi ben noti al nostro .. portafoglio!

    Report

    Rispondi

  • cartonito

    18 Settembre 2014 - 13:01

    mi auguro che gli australiani siano più furbi della giustizia italiana ,questi sono da eliminare dalla faccia della terra ,perciò occhio x occhio.

    Report

    Rispondi

  • plaunad

    18 Settembre 2014 - 12:12

    Aspetto i commenti delle animelle candide filo islamiche che ci assicuravano che qui da noi mai succederebbe nulla di male per cui non dobbiamo sospettare dei mussulmani presenti in Italia. Quei terroristi erano australiani, non venivano da fuori.

    Report

    Rispondi

blog