Cerca

In coda

Agnese Renzi senza cattedra: in fila con i precari non ottiene il posto

Agnese Renzi senza cattedra: in fila con i precari non ottiene il posto

Pure lei resta senza cattedra. Agnese Landini, moglie di Matteo Renzi, avrebbe preferito continuare a insegnare anche quest'anno. Insomma, niente aspettativa per seguire il marito insediato a palazzo Chigi. Ma non è riuscita a ottenere la cattedra. "Amo moltissimo il mio lavoro, e quindi sì, sono qui, in coda fra i precari come una comune mortale con la speranza di avere una cattedra da supplente. Che c'è di strano? Con mio marito ne avevamo parlato, non ce la facevo a rimanere in aspettativa".

La cattedra - Agnese si è presentata stamani al liceo scientifico Russell Newton di Scandicci, in provincia di Firenze, dove sono stati convocati i docenti precari per l'assegnazione delle supplenze nelle scuole medie e superiori. Lei, insegnante di italiano e latino nei licei, era nella grande sala delle nomine insieme alle amiche e colleghe, ma non ha potuto ottenere un posto. "Sono 35esima nella graduatoria della mia materia, per la quale però assegnano soltanto 25 ruoli a tempo pieno". I funzionari dell'ufficio scolastico provinciale le hanno offerto solo qualche "spezzone", cioè part time di poche ore, ma lei ha rifiutato. "Aspetto le graduatorie di istituto, capita spesso che si liberino posti dopo questa prima ondata di nomine".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    14 Novembre 2014 - 09:09

    Tutto questo casino sulla scuola solo per trovare un posto fisso alla moglie? E le visite del mercoledì che fine hanno fatto? E l'edilizia scolastica ? idem come sopra. Con la bocca si fanno tante cose sopratutto si può parlare a vanvera come fa ogni giorno il presidente.

    Report

    Rispondi

  • RaidenB

    21 Settembre 2014 - 14:02

    La versione della signora Renzi non torna. Quando il marito era sindaco era insegnante di ruolo, quando è diventato premier è diventata precaria. Poi si è licenziata e quindi vuol dire che non lavorava nella scuola pubblica. Ora dice che si presenta come precaria al liceo quando prima diceva di insegnare alle medie. E in più dice di essere in aspettativa che però non spetta ai precari.

    Report

    Rispondi

  • maria.54

    21 Settembre 2014 - 09:09

    Non mi risulta che i docenti precari possano chiedere aspettativa...

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    20 Settembre 2014 - 21:09

    Mi dispiace signora Agnese, ma Lei è una vittima di suo marito. Anche se bravissima non avrebbe potuto vincere il concorso in quanto tutti avrebbero pensato ad una spinta politica. Ora poi da quello che si legge non è una cima quindi ....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog