Cerca

Boom di vendite

La Cina esporta la tortura: ecco gli strumenti che vanno di più

La Cina esporta la tortura: ecco gli strumenti che vanno di più

Sedie contenitive, bastoni con punte di acciaio, mazze elettriche, manette. In Cina si registra un boom di esportazioni di strumenti di tortura. Soltanto l’anno scorso, riporta il Corriere della Sera, la China Xinxing, azienda statale, ha venduto in Africa prodotti per 100 milioni di dollari.

Affare sporco - E non sarebbe l'unica. Secondo Amnesty International, infatti, sono 134 le imprese cinesi che trattano la produzione e il commercio degli strumenti di tortura, e sono praticamente quadruplicate negli ultimi dieci anni. I più grossi clienti sono l'Africa, la Cambogia, il Nepal e la Thailandia. "E' un business multimiliardario", spiega Patrick Wilcken di Amnesty International: "Pechino ha preso la testa nel segmento più orrendo di questo commercio, dalle catene pesanti per il collo che riducono la circolazione del sangue alle sedie per gli interrogatori, quella sorta di attrezzature di polizia considerate clandestine".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    25 Settembre 2014 - 15:03

    a noi come tortura cinese ci arriva la monnezza della loro produzione tossica

    Report

    Rispondi

blog