Cerca

I retroscena inediti

Nei film Disney niente mamme: la causa è la tragedia segreta di Walt

Nei film Disney niente mamme: la causa è la tragedia segreta di Walt

Probabilmente ognuno di noi, almeno una volta nella sua vita, ha visto un film di Walt Disney. Chi ne ha visto più di uno può confermare un tratto comune che è diventata una sorta di caratteristica dei cartoni più amati da bambini (e non solo): nella stragrande maggioranza dei film disneyani, manca completamente la figura materna. A volte c'è il padre, ma più spesso i protagonisti sono del tutto orfani. Potrebbe sembrare una semplice coincidenza, ma una spiegazione c'è. Anzi, ce ne sono due: una di carattere narrativo, l'altra legata alle drammatiche vicende personali di Walt Disney.

"Una scorciatoia narrativa" - In una recente intervista rilasciata a Glamour, il produttore Disney Don Hahn ha spiegato: "Uno dei motivi è pratico, un film dura mediamente 80-90 minuti ed uno dei temi universalmente affrontati nelle pellicole Disney è quello della crescita. Si è ritenuto che in assenza dei genitori tale crescita e assunzione di responsabilità avviene più rapidamente; rimuovere i genitori, come nel caso di Bambi, costringe a maturare più rapidamente…Belle ha un padre, ma non lo vediamo mai perché si è persa, e allora deve trovare da sola il suo posto nel mondo. Diciamo che è una scorciatoia narrativa".

La tragedia - La seconda teoria, invece, riguarda gli avvenimenti tragici avvenuti nella vita di Walt Disney. "Nei primi anni ’40 - ha raccontato ancora il produttore - decise di regalare una casa ai propri genitori, il coronamento del sogno di quando era bambino. Purtroppo la caldaia non era stata installata in maniera corretta e ci fu una fuga di gas con i suoi genitori in casa, quando arrivò la signora delle pulizie riuscì a salvare solamente il padre..sua madre morì in maniera tragica..Walt si sentì responsabile della cosa e non volle mai parlare dell’accaduto".

di Francesco Rigoni 
@ce_rigoni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • primus

    27 Settembre 2014 - 23:11

    Mah forse una terza ci sarebbe, e forse farebbe piacere pure a gay e lesbiche che sarebbe l'immancabile ingenua di bimbi e bimbe che nascono sotto i cavoli.

    Report

    Rispondi

blog