Cerca

Trattativa

Pier Luigi Bersani a Matteo Renzi: "Nel voto finale sul jobs act sarò leale. Ma diritto di promuovere emendamenti"

Pier Luigi Bersani a Matteo Renzi: "Nel voto finale sul jobs act sarò leale. Ma diritto di promuovere emendamenti"

Pier Luigi Bersani si piega. L'ex segretario del Pd prova a tendere una mano a Matteo Renzi sulla Riforma del Lavoro. Parlando alla Camera dei deputati coi giornalisti, spiega di "aspettarsi che il governo presenti l'emendamento e che poi a seconda del testo ci sia la possibilità di presentare sub-emendamenti", possibilità esclusa dall'apposizione della fiducia. "Nei gruppi parlamentari - afferma Bersani - ci deve essere tutto il diritto a promuovere idee e quindi sub-emendamenti". Quanto alle divisioni in direzione, aggiunge, "bisogna tener conto che la minoranza non è un'organizzazione, sono sensibilità, opinioni. Sia chi ha votato contro, che chi si è astenuto, tutti abbiamo pensato che era un passo avanti, ma non sufficiente".

La mossa - Bersani comunque voterà seguendo la linea di partito, quando sarà il momento del pronunciamento finale sul jobs act, al Tg3 l'ex segretario democratico spiega: "Io personalmente all'ultima votazione è ovvio che faccio quello che dice il Pd, non me lo spieghi gente che ha fatto diverso da questo. Però da qui a lì vorrei dire la mia...". "Tfr? Cauti, si mangiano risorse del domani".

Nodo Tfr - "I soldi del Tfr - dice l'ex segretario Pd - sono soldi dei lavoratori, non del governo. Se si vuole fare qualcosa con i soldi dei lavoratori, bisognerà che si parli con i lavoratori perché non sono soldi del governo né delle imprese". Bersani aggiunge: "Andiamoci molto cauti, quando ci si mangia oggi le risorse di domani".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciocitato

    ciocitato

    07 Ottobre 2014 - 18:06

    MA PERCHÉ' BERSANI DISCUTETE E POI FATE QUELLO CHE DICE RENZI IL TFR DANNEGGIA LE IMPRESE E NON DA NESSUN BENEFICIO AI LAVORATORI IL BENEFICIO LO HA LO STATO CHE INCASSANDO L'IRPE SULLE SOMME EROGATE PERCHÉ' NESSUNO NE PARLA? Il tuo commento è in attesa di essere approvato IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CHE DA SEMPRE ORDINI A RENZI PERCHÉ' NON LE DICE DI RITIRARE VIOLANTE CHE IL PARLAMENTO NON LO

    Report

    Rispondi

  • alvit

    02 Ottobre 2014 - 07:07

    ti tremano gli orli delle mutande, vero rintronato? cosa vuoi fare, il cadreghino è troppo importante, se lo abbandoni dovrai andare a fare il garzone del benzinaio e tuo zio prete cosa direbbe. La farmacista ti dovrebbe mantenere e potresti impegnarti di più al circolo delle bocce. Forza, ridai una bella mano di vinavil e vedrai che nessuno riuscirà a smuoverti e ti passeranno i grilli nel melone

    Report

    Rispondi

  • encol

    02 Ottobre 2014 - 06:06

    Tutto chiaro perdere il posto fisso, o meglio la poltrona, può essere un problema. Dove lo troverebbe, il bersanov, una "occupazione" più redditizia?

    Report

    Rispondi

  • 01 Ottobre 2014 - 20:08

    Anche il pettinatore di bambole tiene FAMIGHIA!!! Che un altro coiffeur, gli abbia fregato il posto alla coop, certo tra comunisti LADRI!!!,le faide, tra compagni, fratelli??? sono all'ultimo BIGODINO.

    Report

    Rispondi

blog