Cerca

Le celebrazioni per il patrono d'Italia

Renzi ad Assisi: "Faccio il percorso inverso di San Francesco"

Renzi ad Assisi: "Faccio il percorso inverso di San Francesco"

Se san Francesco si recò da Assisi a Roma per spiegare cosa stava accadendo nella propria città, con il primo nucleo di quello che sarebbe diventato l’ordine francescano, Matteo Renzi da Roma arriva ad Assisi per spiegare quello che sta accadendo in Italia. Dal balcone del Sacro convento di Assisi che domina la piazza comunale, dopo aver assistito alla Messa che ha aperto le celebrazioni della giornata del santo Patrono d’Italia, Francesco D’Assisi nella Basilica Maggiore del Sacro Convento di Assisi, insieme al ministro dell’istruzione Stefania Giannini, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e il sindaco di Roma Ignazio Marino, Renzi saluta la folla dei pellegrini spiegando la sua presenza: "Ho fatto il percorso inverso di Francesco, lui uscì dalla sua città per andare a Roma", da Papa Innocenzo III, "a spiegare cosa stava succedendo qui, mentre io da Roma sono venuto qui da voi a spiegare cosa sta succedendo nel Paese".

La bellezza italiana - Il primo messaggio che Renzi ha voluto dare alla folla riguarda "un tema importante, fondamentale nel messaggio di San Francesco: tutti ricordiamo il riferimento del Cantico delle creature a fratello Sole e sorella Luna. Per questo voglio sottolineare che quest’anno ci saranno tanti appuntamenti sul tema dell’ambiente ed è importante che chi è impegnato in politica e viene ad Assisi dedichi una riflessione su questo". Alla bellezza italiana Renzi fa riferimento anche quando si richiama al concetto francescano di "perfetta letizia". Poi ha spiegato: "Chi di noi oggi festeggia l’onomastico del proprio figlio sa che Francesco è un nome speciale, ancora più bello perchè ognuno può declinarlo a proprio piacere. C’è chi lo chiama Franci e chi lo chiama Ciccio. Quello che non dobbiamo mai dimenticare e, però, il nostro nome: dobbiamo ricordare che noi ci chiamiamo Italia e siamo custodi di enormi bellezze. Nonostante le difficoltà dobbiamo essere, quindi, devoti al nostro patrono e alla bellezza alla quale lui ci richiama".

Gli impegni del governo - Certo, l’atmosfera mistica di Assisi non ha fatto dimenticare al premier quali sono le priorità del Paese sulle quali, ha puntualizzato, il governo è impegnato: "C’è da riparare il sistema del lavoro e il mio pensiero va alle donne e agli uomini che in questo momento, a Terni, aspettano la fine di una vertenza molto dura. C’è poi da mettere a posto la scuola, perchè senza di essa non c’è futuro. Infine dobbiamo lavorare sulla Pubblica amministrazione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    05 Ottobre 2014 - 14:02

    prendere a paragone un tizio ''particolare' vissuto nella Sub-Cultura e Realtà ''Medioevale'' non mi sembra un bell'esempio, per me cittadino CIVILE del Terzo Millennio. Anche l'arte di Assisi dimostra la sua bassa cultura se paragonata ad es a quella successiva Rinascimentale, più colta e tecnologica. QUESTI SONO I VERI PARAMETRI DI RAGIONAMENTO E DI SCELTA per CERCARE il Futuro.

    Report

    Rispondi

  • wall

    05 Ottobre 2014 - 11:11

    Renzi ricorda che nella UE ci sono gli atei che non capiscono chi è stato San Francesco che come ricco ha dato ai poveri!!

    Report

    Rispondi

  • Paolo1946

    05 Ottobre 2014 - 08:08

    sbruffone e buffone

    Report

    Rispondi

  • emo

    05 Ottobre 2014 - 08:08

    Oltre che presuntuoso sei anche un cretino deficiente, ma S. FRANCESCO aveva fatto voto di povertà e aiutava i poveri, tu invece brutto cog..azzo hai fatto promesse di merda che non sai e puoi mantenere e fotti poveri mentre arricchisci, ma vai a cagare brutto str....zo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti