Cerca

L'editoriale

Al governo con Renzi senza ala sinistra: l’ultimo azzardo del Cav

5 Ottobre 2014

3

Nonostante abbia compiuto pochi giorni fa 78 anni, Silvio Berlusconi non pensa affatto alla pensione. La condanna per il caso Mediaset, l’interdizione dai pubblici uffici e il voltafaccia di alleati che hanno scelto di mettersi in proprio o addirittura di passare dall’altra sponda, lo hanno sì provato ma non vinto. E la frase che l’altro ieri ha rivolto al suo recente «nemico» interno Raffaele Fitto ne è la prova: a conclusione di uno scontro aspro sulla linea di appoggio a Renzi sul tema delle riforme, l’ex Cavaliere ha infatti sibilato un «io non perdo mai», che è la sintesi del suo programma politico.
Dato per morto e sepolto un’infinità di volte, fin dai tempi del suo primo governo quando la Lega di Umberto Bossi istigata da Oscar Luigi Scalfaro gli fece mancare la fiducia, il leader del centrodestra è sempre risorto, risollevandosi dalle macerie e ritornando a vincere. Successe nel 2001, dopo cinque anni all’opposizione: nel 1996, quando perse le elezioni contro Romano Prodi (...)

 


Clicca qui, acquista una copia di Libero e leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • AMMENDOLEA

    06 Ottobre 2014 - 17:05

    renzi non è stupido, è solo il cameriere del silvietto nè

    Report

    Rispondi

  • selenikos

    06 Ottobre 2014 - 15:03

    «io non perdo mai»,....ma con Prodi non ha perso tutte le volte?

    Report

    Rispondi

  • selenikos

    06 Ottobre 2014 - 15:03

    così sia b che renzi perdono un sacco di voti.......Per fortuna che renzi non è così stupido

    Report

    Rispondi

media