Cerca

L'editoriale

La politica da bar sport corre dietro al calcio ma dimentica la Tasi

7 Ottobre 2014

4

Non sono né juventino né romanista, faccio il tifo per l’Inter ma, essendoci per la squadra nerazzurra poco da tifare, in questo periodo di calcio mi occupo il minimo indispensabile, cioè quasi niente. Ciò nonostante per dovere di cronaca ieri sono stato costretto ad approfondire quel che è accaduto domenica allo stadio di Torino, in campo per l’appunto bianconeri e giallorossi. Partita complicata, finita tre a due per i padroni di casa, con due rigori criticati a favore della squadra di Allegri e un tiro dello juventino Bonucci sospettato di essere viziato da un fuorigioco. Come era da immaginare, per i campioni d’Italia tutto si sarebbe svolto secondo regola e l’arbitro Gianluca Rocchi non avrebbe nulla da rimproverarsi, mentre per i romanisti il direttore di gara avrebbe aiutato a vincere i concorrenti. L’allenatore Garcia colto a bordo campo mentre imitava una sviolinata, con allusione evidente al trattamento riservato ai bianconeri, è stato espulso e poi condannato a una multa di 5 mila euro. Francesco Totti,  capitano giallorosso, si è invece lasciato sfuggire un giudizio tagliente contro gli avversari, che rimbalzato nelle trasmissioni tv e sulle pagine dei giornali ha allungato la coda delle polemiche. Insomma, Juve-Roma è diventata uno di quei casi che avrebbero fatto la gioia di Aldo Biscardi, che con il suo processo avrebbe campato chissà quanto, tra moviole e opinionisti vari. Un caso però destinato a rimanere confinato nelle cronache pallonare e al bar sport, con tutti a trasformarsi in arbitri e a dare lezioni a Gianluca Rocchi. E invece no, la faccenda non è rimasta in ambito calcistico ma è tracimata fino ad arrivare in Parlamento, con tanto di interrogazione al ministro dell’Economia.

 

Leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro
su Libero in edicola oggi 7 ottobre
o acquista una copia digitale del quotidiano

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gino.durisotti

    07 Ottobre 2014 - 19:07

    cosa vuoi commentare, c'è solo da vergognarsi di avere una classe politica di stò infimo livello, bisognerebbe incominciare e mettergli un pochino di paura, forse, forse, chissà..........

    Report

    Rispondi

  • angelo.bellotti

    07 Ottobre 2014 - 18:06

    Non prendiamoci in giro,all'italiano toglici pure la prima casa ma non toglierci il PALLONE.

    Report

    Rispondi

  • josedc61

    07 Ottobre 2014 - 17:05

    Gli italioti corrono dietro il pallone, si ammazzano anche di botte per il pallone, ma nonostante vengono derubati dalla politica non alzano un dito per questo. Intanto, con tanto di disoccupazione e vagabondaggio in Italia, i politici perdono tempo a presentare interrogazioni parlamentari su errori arbitrali. Che popolo ignorante è questo!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media