Cerca

La crociata

Il trans Efe Bal, sit-in all'Agenzia delle Entrate: "Voglio pagare la tasse, la prostituzione sia legale"

Il trans Efe Bal, sit-in all'Agenzia delle Entrate: "Voglio pagare la tasse, la prostituzione sia legale"

Dalle 5:30 della mattinata di martedì 7 ottobre, il trans Efe Bal si è piazzata davanti all'Agenzia delle Entrate di Milano, arrampicato su una scala con un cartello che rivela le sue intenzioni: regolamentare la prostituzione. Continua, dunque, la sua crociata per rendere quello delle lucciole un lavoro a tutti gli effetti.

Siete d'accordo a legalizzare la prostituzione?
Vota il sondaggio di Libero

La protesta - "Chiedo al governo, alle istituzioni e all'Agenzia delle Entrate che la prostituzione diventi un lavoro normale, riconosciuto, regolarizzato e tassato come qualsiasi altro lavoro. Vorrei pagare le tasse come tutti i lavoratori onesti fanno". Con queste parole Efe Bal giustifica il suo sit-in di fronte alla sede dell'Agenzia delle Entrate di Milano, alla quale dovrebbe 700mila euro. "Al mese guadagno dai 15 ai 20 mila euro; se pagassi le tasse in proporzione, ogni anno nelle casse dello Stato andrebbero dai 3 ai 6 miliardi di euro, una cifra che potrebbe sistemare alcune situazioni spiacevoli in Italia, come il taglio delle pensioni".

Un attivista recidivo - Il transessuale Efe Bal non è nuovo a questo tipo di proteste, anche se solitamente ci ha abituati a rimostranze più osè, come la provocazione fatta al politico Carlo Giovanardi durante una puntata di Matrix.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog