Cerca

Appunto

Leso Napolitano

Leso Napolitano

La questione è intricata, ma la domanda no: perché Napolitano non si fa sentire? Tra due settimane Francesco Storace potrebbe essere condannato alla galera per vilipendio al capo dello Stato: uno di quei reati fascisti e obsoleti che tuttavia - come la diffamazione - nessuno si è mai deciso a depenalizzare o abrogare. E infatti Storace vuole fare come Sallusti: se condannato, dice, non si opporrà al carcere così da evidenziare il paradosso di questa norma anacronistica. Posto che in carcere non ci finirà comunque (c'è la condizionale, i domiciliari eccetera) il capo dello Stato già intervenne per Sallusti, ma non l'ha ancora fatto per un caso sul quale sarebbe più che legittimato a farlo: in fondo il vilipeso è lui, e un chiarimento personale con Storace del resto c'è già stato. Che aspetta? E che aspetta il governo? Si vuole agire «ad personam» (come per Sallusti) quando il caso sarà precipitato? C'è un disegno di legge che risulta calendarizzato dalla Commissione giustizia del Senato, ma è difficile che l'iter venga completato prima della sentenza. Ci vorrebbe qualcuno che desse una mossa e che, soprattutto, nessuno remasse contro. Per esempio: perché il diessino Giuseppe Lumia, in Commissione giustizia, ha votato contro? Vuole mantenere il vilipendio? Vuole che Storace vada dentro? Il Pd renziano ha una posizione in merito? E che dovremmo farne del grillino Giorgio Sorial che definì «boia» Napolitano? Lo impicchiamo?

di Filippo Facci
@FilippoFacci1

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    11 Ottobre 2014 - 22:10

    i vilipesi lo siamo tutti noi italiani con un Capo di Stato comunista in un Paese democratico come il ns. e non certamente lui che si sente vittima di vilipendio. maddeche

    Report

    Rispondi

blog