Cerca

La protesta

Landini: "Siamo pronti a occupare le fabbriche"

Landini: "Siamo pronti a occupare le fabbriche"

"Siamo pronti a occupare le fabbriche". Preannuncia così un "autunno caldo", Maurizio Landini, segretario generale Fiom, durante il corteo a Milano contro il vertice dell'Unione europea sul lavoro. "Questo è il primo sciopero dei metalmeccanici, ce ne sono in programma altri fino alla manifestazione di Roma e oltre, perché non ci interessa solo protestare, noi vogliamo davvero cambiare questo Paese".

Il problema, continua Landini è Matteo Renzi. "Le proposte del governo sono sbagliate perché peggiorano le condizioni. Il vero cambiamento è estendere i diritti, far ripartire gli investimenti, combattere la corruzione e andare a prendere i soldi dove ci sono". E ancora: "Non ci stiamo a essere dipinti come i conservatori, noi siamo quelli che si sono fatti il mazzo, quelli che producono ricchezza e pagano le tasse e vogliono cambiare il lavoro più di tutti, ma bisogna che gli interessi di chi lavora ritornino al centro di questo Paese, perché ora non lo sono". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxgarbo

    27 Ottobre 2014 - 11:11

    Fabbriche vuote o quelle che ancora lavorano? Ci sta che dopo l'occupazione anche quelle sane vadano a lavorare all'estero.... Ma sta buono, ringrazia che c'è chi rinnova la tessera

    Report

    Rispondi

  • rocambole

    09 Ottobre 2014 - 13:01

    Ma cosa vuole occupare Landini lo stakanovista de noantri....., quello che ha due tavoli nel suo ufficio FIOM: uno per ogni gamba.

    Report

    Rispondi

  • minico10

    09 Ottobre 2014 - 00:12

    Bisogna occupare... Montecitorio...e il Quirinale!!

    Report

    Rispondi

  • secessionista

    08 Ottobre 2014 - 18:06

    Dimenticavo : uno da proporre come premio Nobel dell'imbecillita

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog