Cerca

Psicosi contagio in Spagna

Ebola, soppresso il cane dell'infermiera malata

Ebola, soppresso il cane dell'infermiera malata

Non sono baastati il presidio degli animalisti e le proteste via web: Excalibur, il cagnetto dell'infermiera Teresa Romero Ramos, è stato soppresso. E' il primo cane "vittima" di Ebola in Europa. O meglio, della psicosi che ha sconvolto la Spagna dopo la scoperta del primo caso di contagio avvenuto non in Africa, registrato 48 ore fa in un ospedale di Madrid. Dopo il ricovero dell'infermiera e del marito, Excalibur era rimasto solo nella casa della coppia. Era stato lo stesso marito della donna, Javier Limon Romero che aveva dichiarato al quotidiano El Mundo di essere preoccupato per la sorte dell'animale: "Ha tutta la casa per lui, 15 chili di viveri e acqua, ma ho paura che le autorità lo vogliano abbattere". E in effetti l’amministrazione regionale di Madrid ha deciso di uccidere l’animale "per motivi di sicurezza", nonostante non si sia mai registrato un contagio di Ebola sui cani nel corso delle pandemie in Africa. La richiesta degli animalisti era semplice: mettere in quarantena o isolamento il cane invece di ucciderlo. Ma l’animale, secondo quanto riporta El Mundo, è stato sottoposto all’eutanasia nella Clinica veterinaria dell’Università di Madrid alle 14.30 di oggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • supermarileti

    10 Ottobre 2014 - 10:10

    Che vergogna!!!

    Report

    Rispondi

  • muneto

    09 Ottobre 2014 - 11:11

    Purtroppo è vero. Del,resto,da un popolo che come sport nazionale ha la,corrida non cinsi poteva aspettare altro. E comunque quella,povera creatura ce l'ha sulla coscienza la,padrona che per sua stessa ammissione non ha rispettato le procedure di sicurezza.

    Report

    Rispondi

  • cabass

    09 Ottobre 2014 - 10:10

    E' sicuro che Ebola passi attraverso i fluidi corporei; non è provato, ma nemmeno smentito, che la saliva del cane possa veicolare il virus. Inoltre non è chiaro nemmeno se e come un cane possa sviluppare la malattia (sintomi, tempistiche, ecc.), per cui la quarantena non avrebbe risolto il problema. Spiace dirlo, ma non si poteva fare altrimenti.

    Report

    Rispondi

  • mariacristinap61

    08 Ottobre 2014 - 20:08

    Spero tanto che non sia vero, questi ignorantoni degli spagnoli, hanno portato l'ebola in europa ed adesso sopprimono un cagnolino, solo, senza i padroni, lontani per curarsi. Vigliacchi. Non sarei rimasta buona in attesa dell'evento, l'isolamento è un problema di tutti: uccidi il mio peloso? Me Ne Vado! Gli animali non sono oggetti, fanno parte della famiglia e devono essere tutelati!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog