Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

Adele vuole un disco "perfetto"

Adele vuole un disco "perfetto"

Adele vuole un disco “perfetto”. Un ritorno in grande stile: nei piani della cantautrice inglese c'è la voglia di tornare a fare musica ma s......

 

ascolta ora

Radio 105

Contestata

Boldrini, rivolta Pdl alla Camera: "Perché non difendi le onorevoli insultate a Brescia?"

Acque agitate a Montecitorio. La Savino: "Non ha difeso la nostra onorabilità". Gasparri: "Silenzio spiacevole". La replica: "No a solidarietà a richiesta"

Boldrini, rivolta Pdl alla Camera: "Perché non difendi le onorevoli insultate a Brescia?"

 

Nessuna solidarietà "a rischiesta". Prova a difendersi così, Laura Boldrini, nel giorno in cui sulla testa del presidente della Camera piovono l'ira e le accuse di tutto il Pdl. Il nodo del contendere è la sua "inquietante afasia", così la definisce Renato Brunetta, riguardo agli attacchi sessisti e agli insulti subiti dalle onorevoli azzurre sabato pomeriggio a Brescia, in occasione dell'intervento di Silvio Berlusconi in piazza del Duomo. Cori irriguardosi ("Troie! Troie!", il più abusato da parte dei contestatori) verso cui la Boldrini, solitamente attentissima, non ha reagito con la consueta durezza. "Il presidente - ha spiegato lei, eletta con Sel - interviene per condannare in modo attento e rigoroso le manifestazioni di sessismo", manifestando "solidarietà alle deputate del Pdl in quanto donne". 

"Pdl all'attacco" - Ma l'autodifesa non convince il Pdl. "Temo che Laura Boldrini non abbia ancora compreso bene di essere la presidente della Camera dei deputati. Si crede invece la paladina delle donne, ruolo autocelebrativo nonchè inutile che, tra l’altro, nessuna le ha mai chiesto di esercitare - attacca la deputata del Pdl Elvira Savino -. Alla presidente Boldrini è richiesto di difendere l'onorabilità e le prerogative dei deputati e delle deputate in quanto rappresentanti della sovranità popolare e non in quanto donne o uomini". E Maurizio Gasparri aggiunge: "E' davvero spiacevole l'assenza di adeguate forme di solidarietà da parte di taluni vertici istituzionali nei confronti di esponenti del centrodestra vittime di aggressioni e minacce. La solidarietà, infatti, non andrebbe sollecitata, ma dovrebbe essere doverosa e spontanea. Certe dissertazioni sono tanto incomprensibili quanto dannose". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    15 May 2013 - 17:05

    Non mi sarei mai, dico mai, ridotto a pensare che nonostante fosse una carogna matricolata, il Badoglio moderno fini detto il subacqueo era come presidente della camera migliore di questa miserevole oca, parvenu della politica.

    Rispondi

  • blu521

    15 May 2013 - 12:12

    C'è un libro di Paolo Guzzanti, La sera andavamo a ministre, che illustra con dovizia di dettagli la professionalità delle onorevoli pdl. Prima delle recenti elezioni, Vittorio Feltri, scrisse sul Giornale di aver visto le lista e di avervi trovato il nome di almeno 10 mignotte. La Boldrini cosa dovrebbe fare? Vietare la vendita del libro? Far chiudere Il Giornale? Al pdl hanno la memoria corta. Il boss del partito non è un gran puttaniere? Come risolviamo la faccenda? Dando la colpa a Boldrini?

    Rispondi

  • sparviero

    14 May 2013 - 20:08

    è come inserire cellule tumorali in un corpo umano. La fine è inevitabile.

    Rispondi

  • Coste fredde

    14 May 2013 - 20:08

    Mi pare tutta propaganda. Quando la Bindi fu insultata, il PDL certo non la difese. E' la solita lotta tra i nostri partitini che, invece di risolvere i nostri problemi, colgono ogni occasione per puntare a guadagnare qualche consenso in vista delle prossime elezioni. E la disoccupazione aumenta. Mah.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Shopping

blog