Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

Jessica Lange canta Lana Del Rey

Jessica Lange canta Lana Del Rey

Jessica Lange canta Lana Del Rey. Dopo David Bowie e Fiona Apple, è Lana Del Rey ad aver avuto l’onore di essere interpretata dalla celebre ......

 

ascolta ora

Radio 105

Impero a 5 Stelle

Grillo, numeri e segreti del patto d'acciaio con Travaglio e Santoro

L'Unità scava nella galassia "chiusa" di Beppe: il segreto del suo successo? Non solo web, ma anche tv e stampa e l'alleanza con Fatto e Servizio Pubblico. A sinistra perseverano: "regime mediatico" come Berlusconi...

Grillo, numeri e segreti del patto d'acciaio con Travaglio e Santoro

Errare è umano, perseverare è di sinistra. Da 20 anni i quotidiani vicini a Pds-Ds-Pd sostengono imperterriti che il successo elettorale di Silvio Berlusconi sia legato principalmente al "monopolio" mediatico. Un regime che, secondo l'Unità, sarebbe alla base anche del clamoroso exploit di Beppe Grillo. Una doppia pagina firmata da Michele Di Salvo e Roberto Rossi analizza con puntiglio la struttura del "mondo-Grillo". All'epoca del web 2.0, sottolinea il quotidiano, si farebbe un errore a considerare la strategia mediatica di Grillo limitata solo a Internet. Si deve, piuttosto, parlare di una "fabbrica del consenso" che ha l'appoggio fondamentale anche di stampa e tv. Non tutte, naturalmente, ma di due braccia armate e potentissime: da un lato Michele Santoro e il suo Servizio Pubblico, dall'altra il Fatto Quotidiano e Marco Travaglio in prima fila. La tesi sta in piede, ma si presta anche ad una semplificazione che spesso, a sinistra, è stata fatta: si può finire per pensare, cioè, che il consenso di Beppe sia legato solo all'indrottinamento occulto, alla informazione "orientata" e fintamente alternativa. E ci si potrebbe dimenticare, di conseguenza, che quel consenso è stato invece conquistato dopo anni di piazze, tour in giro per l'Italia (non solo in campagna elettorale), comizi, spettacoli. Comunicazione 1.0, diremmo quasi da Primo Dopoguerra. Quello che,per esempio, il Pd ha quasi smesso di fare. In altre parole: prima c'era il Cavaliere, ora c'è il comico. Ma i motivi del loro successo a sinistra non sembrano troppo chiari.

I numeri dell'impero Grillo - Mentre Grillo ha dettato un nuovo decalogo ai suoi onorevoli, che prevede per esempio la possibilità di fare interviste ma solo con pochi, selezionati e "fidati" giornalisti, resta comunque interessante analizzare qualche numero del network a 5 Stelle, anche alla luce delle critiche di Milena Gabanelli sulla poca trasparenza del blog beppegrillo.it e sulla replica di Gianroberto Casaleggio. Secondo il servizio de L'Unità, siamo di fronte a un vero e proprio "network ambientale" che comprende il blog di Grillo, i social network come Facebook e Youtube (il canale video di Grillo conta su un pubblico di 300mila utenti), il Fatto Quotidiano e Servizio Pubblico. La parola chiave, nel mondo di Beppe, è "far circolare idee e messaggi", ma dentro questo "recinto chiuso". I siti riconducibili al blog, TzeTze, Cadoinpiedi, Chiarelettere, Movimento 5 Stelle, sono comunicanti tra loro ma sostanzialmente impermeabili all'esterno. Il risultato è un "contenitore" che attira ogni giorno 3,5 milioni di accessi (il gruppo Espresso, che comprende Repubblica, Espresso.it e HuffingtonPos.it, ne realizza 5). Solo tre anni fa (prima del patto di acciaio con Santoro e Travaglio), il blog beppegrillo.it era fermo a 300mila accessi. La santa alleanza grillina tra Beppe, Marco e Michele si chiarisce anche andando a scavare sui rapporti azionari che li legano: per esempio, tra gli azionisti della Zerostudio's, la società che produce Servizio Pubblico, figura proprio il Fatto Quotidiano (con azioni nominali per 45mila euro), mentre il Fatto Quotidiano è partecipato da Chiarelettere, la società editrice che pubblica tutti i libri di Grillo & Casaleggio, ed è amministrato da Cinzia Monteverde, a capo della "tv" di Santoro. Basta questo per spiegare il successo dei 5 Stelle?

di Claudio Brigliadori

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nick2

    22 May 2013 - 17:05

    peccato che, grazie alle brillanti idee di qualcuno siamo finiti nel baratro. Non capirete mai che il populismo porta alla rovina. Ricordati che la patria del populismo è l’America latina. La stiamo raggiungendo!

    Rispondi

  • frabelli

    22 May 2013 - 13:01

    Sono decenni che L'Unità, come quotidiano di partito, non c'ha mai capito nulla, neppure di politica del suo partito. Ha sempre visto cose che solo loro hanno visto, La tv al servizio di, i giornali che parlano di, i media che parlano solo di. Mai però si sono soffermati sul programma dei candidati dell'opposizione, solo della loro visibilità. Insomma non ascoltavano ciò che dicevano ma cosa avevano gli avversari e non loro. Non hanno capito che gli avversari avevano le idee che loro non hanno mai avuto se non quella di eliminare gli avversari.

    Rispondi

  • piccioncino

    22 May 2013 - 13:01

    La loro sfacciata, imperturbabile logica sciamana..seduce numerosi scemotti di guerra..con l'encefalogramma piatto..Ma è sicuramente destinata al rapido fallimento..Perchè l'idiozia allo stato puro..non ha scampo..O portandoci tutti a sbattere duramente contro un muro di cemento armato,..oppure (speriamolo vivamente!)..a sbattere solo loro..contro le ginocchia del ragazzotto fiorentino..

    Rispondi

  • oneiros

    22 May 2013 - 12:12

    È vero, i fattori facilitanti del successo di Grillo sono quelli indicati dall’articolo cioè il patto di solidarietà con Santoro e Travaglio, i blog fiancheggiatori e il M5S. È altrettanto vero che quel successo Grillo l’ha conquistato dopo anni di piazze, tour in giro per l'Italia, comizi e spettacoli, ma si omette di dire che tutto questo non sarebbe arrivato se Grillo non fosse anche bravo di una bravura fatta di più componenti: facilità di eloquio, capacità dialettica, capacità di sintesi, memoria di ferro, intelligenza, preparazione culturale (però non ostentata), senso dell’umorismo, capacità di applicarsi allo studio dei problemi, simpatia innata, energia vitale pressoché inesauribile, rifiuto del leaderismo, entusiasmo. Mi fermo qui altrimenti sembro un suo sostenitore fanatico, invece lo seguo con occhio molto critico, ma obiettivo.

    Rispondi

Shopping

blog