Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Al bivio

Berlusconi, la Giunta discute sulla decadenza da Senatore

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

Oggi mercoledì 7 agosto, la politica entra in campo. Ci sarà la prova di fuoco per Silvio Berlusocni.  Dopo la condanna della Cassazione a Silvio Berlusconi nel processo Mediaset, si riunisce in serata la Giunta per le elezioni e le immunità parlamentari, convocata alle 20.30. Si discute della decadenza del Cavaliere dal Senato, prevista dalla legge Severino, che all'articolo 3, comma 1, stabilisce che non è candidabili che hanno riportato condanne definitive "a pene superiori a due anni di reclusione per delitti non colposi per i quali sia prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a quattro anni".

Le paure - La battaglia in Giunta non sarà breve, né indolore. Prima di settembre è quasi impossibile che il voto arrivi in aula. L'obiettivo di Berlusconi, di fronte ai "niet" del Colle a una forma di salvacondotto giudiziario, è resistere il più possibile a Palazzo Madama: con la decadenza, infatti, il fianco del Cav verrebbe definitivamente esposto all'assedio delle toghe (in corso c'è il processo Ruby e, presto, quello per la presunta compravendita di senatori). L'obiettivo nel breve termine del Pdl è quello di rallentare il più possibile il dibattito in Giunta.

I manettari - Il fronte giustizialista, guidato dal Movimento 5 Stelle, chiede di far presto, di accelerare al massimo. Il senatore Michele Giarrusso spiega di voler procedere subito all'esame della decadenza, come previsto dalla legge anticorruzione. Il Pd, da par suo, ha posizioni meno nette. Sul punto delicatissimo della decadenza e della conseguente incandidabilità di Berlusconi, si gioca anche il futuro del governo. C'è un governo da tenere in piedi, e accelerando sulla decadenza di Berlusconi potrebbe crollare tutto. C'è però chi, come Felice Casson - membro della Giunta - vuole mettere al muro l'ex premier: "Bisogna procedere immediatamente all'esame che riguarda la decadenza - spiega il democratico -. Questo per due ragioni: la prima è che la legge utilizza il termine 'immediatamente', quindi il senatore Berlusconi decadrebbe subito dal suo incarico. La seconda è che, se si procedesse in questa direzione, con la decadenza da senatore del leader del Pdl, la Giunta non avrebbe più ragione di esaminare la posizione di Berlusconi per quel che riguarda la sua ineleggibilità nella Regione Molise", l'altro argomento sul tavolo della Giunta che ha come protagonista proprio il Cav.

Gli azzurri - Il Pdl, invece, spiega che in assenza delle motivazioni della Cassazione - fino ad oggi, al Senato, è stato depositato il solo dispositivo della sentenza - la Giunta non può dare corso all'esame della decadenza. Inoltre gli azzurri rilevano come la legge Severino non può avere effetti retroattivi, e quindi non può riguardare la condanna di Berlusconi nel processo Mediaset, un processo iniziato prima dell'entrata in vigore della legge stessa. 

Effetto domino? - Come detto, con tutta probabilità, il voto sulla decadenza di Berlusconi al Senato non potrà arrivare prima di settembre. Il percorso, poi, potrebbe allungarsi ancora. A livello tecnico, la Giunta, con un voto di maggioranza, deve prendere atto dell'orientamento dei suoi 23 senatori. Quindi la palla passa a Palazzo Madama per la contestazione, ossia il voto dell'aula. Un voto che quando arriverà, con la possibile decadenza di Berlusconi (sponsorizzata dai vertici del Pd, il segretario Guglielmo Epifani in primis), potrebbe in parallelo far decadere anche il governo Letta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • IlBecchino

    08 August 2013 - 08:08

    Disposti a qualsiasi figura di m. (Ruby docet). Qualche esponente pdl farnetica di non retroattività, riferendosi alla data in cui fu commesso il reato, precedente all'entrata in vigore della legge. L'artiolo 3 recita: " Qualora una causa di incandidabilita' di cui all'articolo 1 sopravvenga o comunque sia accertata nel corso del mandato elettivo, la Camera di appartenenza delibera ai sensi dell'articolo 66 della Costituzione." E l'articolo 1 quale causa di incandidabilità non parla di commissione del reato, ma di CONDANNA DEFINITIVA a ... La condanna definitiva è sopraggiunta il 1/8/2013, da quel giorno il Delinquente è incandidabile e in forza dell'articolo 3 la camera di appartenenza deve deliberare ai sensi dell'articolo 66 della Costituzione. Ovvero lo deve mandare fuori dai co..ni! Non serve un luminare come il CiannoAnalfabeta per capire un concetto così semplice. Qualche altro imbecille cerca di far valere i tre anni di indulto, su questo non mi spreco...

    Rispondi

  • imahfu

    07 August 2013 - 19:07

    La sentenza e' già stata emessa. Ora dipende dai processi. non da PD né da 5 Stelle.

    Rispondi

  • raffaugello

    07 August 2013 - 16:04

    Ma che pretendete di avere e di ottenere votando qua e votando là contro questo e quello di Berlusconi. Un proverbio dice che avete perso il bue e andate trovando le corna! Siete una massa di imbecilli illusi di aver raggiunto chissà quale rivincita e di aver toccato il cielo con un dito. Non vi sembra vero, invece, di avere il cappio alla gola con questa pretesa di far cadere il Governo Letta con questa condanna di Berlusconi.

    Rispondi

  • oldbit

    07 August 2013 - 15:03

    Riguardo semplicemente alla irretroattività della norma sulla incandidabilità ,lei fa bene a nutrire dubbi,in quanto la legge parla espressamente di "incandidabilità sopravvenuta" e cioè quando si è già senatori,come nel caso di Berlusconi che rientra quindi senza se e ma nel campo di applicazione della legge.Con buona pace di Giovanardi che non so che medico sia ma ,come giurista,è da barzelletta.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Shopping

blog

Tommaso Labranca
Luoghi comuni per gente comune

Forza Chiara!

di Tommaso Labranca