Cerca

lettere al direttore

L'Imbeccata

News da Radio 105

Rihanna manda Parigi nel caos

Rihanna manda Parigi nel caos

Rihanna manda Parigi nel caos. La capitale francese è letteralmente impazzita per la popstare delle Barbados. Rihanna aveva invitato i suoi ......

 

ascolta ora

Radio 105

La grande paura

Riina dal carcere: "La Juve è una bomba". Il timore dei pm: frase in codice per ordinare stragi?

Frasi ambigue del boss mafioso ai parenti. Dopo l'allarme lanciato da una lettera anonima, la Procura di Caltanissetta teme nuovi attentati

Riina dal carcere: "La Juve è una bomba". Il timore dei pm: frase in codice per ordinare stragi?

"La Juve è una bomba". Lo dice Totò Riina, capo dei capi della mafia corleonese, al figlio che gli fa visita al carcere di Opera. Ed è la frase che mette in allarme i magistrati della Procura di Caltanissetta: potrebbe trattarsi di un messaggio in codice col quale il boss, recluso in 41-bis, dà il via a una nuova stagione stragista. La battuta di Riina si incrocia con una lettera anonima arrivata lo scorso 26 marzo al Palazzo di Giustizia di Palermo: il boss latitante Matteo Messina Denaro avrebbe raggiunto un accordo, sostiene la missiva, con "amici romani" per fare fuori i magistrati antimafia. E intanto gli inquirenti registrano un avvicinamento della famiglia Riina alla Sacra Corona Unita pugliese.

Sommovimenti - E' proprio per la lettera firmata da un presunto uomo d'onore di Alcamo (comune della provincia palermitana) che gli inquirenti hanno aumentato i controlli su Riina. Ascoltate le conversazioni tra il boss stragista di Corleone e i suoi familiari, fino a tirare fuori le frasi più ambigue: "La Juve è una bomba", ma anche "State attenti" e "Difendetevi". I pm di Caltanissetta hanno poi riscontrato, con allarme, due movimenti paralleli che avvicinano i Riina alla Puglia. Il boss Totò è stato inserito dal 2003 in progetti di socialità in carcere con condannati provenienti dalle fila della Sacra Corona Unita. Mentre moglie e figlia (Ninetta Bagarella e Maria Concetta) stanno spostando la residenza in provincia di Brindisi. Il timore degli inquirenti è che potrebbe essere in corso una saldatura tra corleonesi e mala pugliese (alla quale lo scorso luglio sono stati sequestrate armi ed esplosivo provenienti dai Balcani) in nome di una nuova stagione stragista.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    09 October 2013 - 23:11

    x la cronaca, io un commento lo avevo mandato, molto duro contro Riina. E' stato cestinato.

    Rispondi

  • sparviero

    09 October 2013 - 21:09

    Paura della mafia? Io non mi impiccio. Per quello che mi pare di capire, in Italia la mafia non la sradicheranno mai. La collusione con i vari governi che si sono succeduti fino a oggi l'hanno sempre vista vincente. Ricordate Dalla Chiesa, Falcone, Borsellino?

    Rispondi

Shopping

blog