Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

mini aumenti

Pensioni: per il 2014 aumenti dell'1,2%

Pensioni: per il 2014 aumenti dell'1,2%

Dopo i due anni di blocco dell'indicizzazione delle pensioni stabiliti dal decreto salva-Italia, tornano gli aumenti a partire dal 2014. Si tratta in realtà di piccoli aumenti a causa dell'effetto combinato della bassa inflazione e della riduzione degli aumenti stabilita dal governo per le pensioni sopra i 1500 euro.
6 euro al mese per le minime - La rivalutazione infatti sarà riconosciuta in pieno solo alle pensioni che non superano tre volte il minimo che è poco sotto i 500 euro (495,4 euro per la precisione). Fino a questo limite l'aumento è dell'1,2%, quindi di circa 6 euro per le pensioni minime di 500 euro e di 1,2 euro in più per ogni ulteriore 100 euro: quindi 7,2 euro per pensioni da 600 euro, 8,4euro per pensioni da 700 e via di seguito.

La rivalutazione si riduce all'aumentare delle pensioni - Nella fascia che vaa tra tre e quattro volte il minimo, quindi tra i 1500 e i 2000, l'aumento non sarà integrale, ma del 90%. All'aumentare delle pensioni scende la rivalutazione: del 75% per le pensioni tra quattro e cinque volte il minimo (2500 euro) e del 50% fino a sei volte il minimo (3000 euro). Oltre questa soglia l'aumento si riduce ulteriormente.

Aumento lordo - Ovviamente questi aumenti sono lordi e quindi nelle tasche dei pensionati arriveranno ancora meno soldi visto che lo Stato si riprende una parte dell'aumento attraverso l'imposta sui redditi, che scatta per assegni superiori ai 7500 euro. Ciò vuol dire che la rivalutazione integrale arriverà solo per le pensioni bassissime, perché l'Irpef scatta già su quelle di poco superiori ai 600 euro. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gian49

    30 October 2013 - 11:11

    Questa in sintesi la sostanza della consociazione della casta che non rinuncerà mai a tagliare seriamente i propri astronomici privilegi che non hanno riscontro in tutto l'occidente.

    Rispondi

  • stelio.bonsegna

    27 October 2013 - 15:03

    La solita presa per il deretano, dei Governicchi al servizio dell'Europa dei Banchieri.

    Rispondi

  • stelio.bonsegna

    27 October 2013 - 15:03

    La solita presa per il deretano, dei Governicchi al servizio dell'Europa dei Banchieri.

    Rispondi

  • alfredo giulio

    27 October 2013 - 10:10

    Questo con il consenso di TUTTI i Partiti, ecco perché mi Asterrò: Uno Stato che non rispetta i patti sulla Pensione, messi per iscritto quando sono stato assunto, non mi rappresenta. Uno Stato che taglia solo le Pensioni Medio/Basse livellandole verso il basso e non quelle della Nomenklatura, non mi rappresenta. Uno Stato che costringe alla fame il Popolo ed ha i Vertici strapagati, non mi rappresenta. Uno Stato pieno di corrotti che si arricchiscono alle mie spalle e mette a rischio la mia salute, non mi rappresenta. Uno Stato che costringerà chi vorrà e potrà lavorare ad una paga "Cinese" non mi rappresenta.

    Rispondi

Mostra altri commenti