Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Crac Gaucci, va all'asta il castello di torre Alfina

Il prossimo 4 febbraio la prima udienza per la vendita

Crac Gaucci, va all'asta il castello di torre Alfina
Il castello di Torre Alfina, in provincia di Viterbo, sarà venduto all’asta. Luciano Gaucci, il proprietario della lussuosa residenza nei giorni scorsi, è tornato alla ribalta dichiarando l'intenzione di comprare il Torino e rilanciarlo a fronte dei deludenti risultati in serie B. In realtà, un primo tentativo di vendita del castello di Torre Alfina, immobile situato nel comune di Acquapendente e costituito da 55 vani più vari giardini, era stato effettuato già lo scorso anno con l'avvio di una procedura di vendita senza incanto, che si era “esaurita in assenza di offerte”, spiega il curatore fallimentare, Carlo Moriconi. Nessuna offerta era stata presentata entro la data indicata, ovvero il 7 ottobre 2009. Ora partirà la seconda fase dell'operazione, con l'avvio il 4 febbraio dell'asta con incanto. La base d’asta?  10,319 milioni di euro. Tutto avverrà sotto la supervisione del giudice del tribunale di Perugia, Umberto Rana. Il castello di Torre Alfina era stato di proprietà, attraverso la Siata, di Luciano Gaucci, che aveva visto confiscare tutti i beni dopo il crac dell'Ac Perugia spa nel 2005, su cui i Gaucci hanno patteggiato, ma restano in piedi contenziosi a livello civile. “Torre Alfina è un bene dell'Ac Perugia – spiega l’avvocato Moriconi – e la vendita servirà quindi per soddisfare i creditori del fallimento, considerando che vi sono ancora contenziosi aperti tra Gaucci e i creditori dell'Ac Perugia, relativi alle responsabilità degli ex amministratori nei confronti della società di calcio”. A luglio 2009 il sindaco di Acquapendente, Alberto Bambini aveva definito la storia relativa a Torre Alfina “molto sofferta e complicata”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400