Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Fiat taglia 5mila dipendenti in Italia

Marchionne smentisce le indiscrezioni: "Ingiusto picchiarci, non abbiamo mai licenziato nessuno"

Fiat taglia 5mila dipendenti in Italia
Quasi cinquemila dipendenti in meno, riduzione di un quarto del numero dei modelli (da 12 a 8), con la produzione italiana che crescerà fino a 900mila vetture. Sono questi i punti focali del nuovo piano strategico 2010-2014, anticipato dal quotidiano Repubblica e che l'ad di Fiat, Sergio Marchionne, dovrebbe presentare in cda il prossimo 21 aprile.
Libero-news.itLibero-news.it

Cinquemila dipendenti in meno, riduzione di un quarto del numero dei modelli (da 12 a 8), con la produzione italiana che crescerà fino a 900mila vetture


Le indiscrezioni parlano anche di sette modelli con marchio Fiat, Alfa e Lancia realizzati negli Usa per il mercato d'Oltreoceano, per una produzione complessiva che dovrebbe superare le 350 mila unità sull' altra sponda dell' Atlantico. Particolarmente critica, in base ai programmi, la situazione della produzione motoristica in Italia. Il piano dovrebbe prevedere dunque “il taglio del 15% degli organici degli addetti al montaggio finale”, quei 30mila operai di linea che nei mesi scorsi sono rimasti fermi per due settimane quando ha cominciato a farsi sentire l'effetto dello stop agli incentivi. Nel calcolo sono compresi i 1.500 dipendenti diretti di Fiat a Termini Imerese (come è noto lo stabilimento siciliano chiuderà il 31 dicembre del 2011) e i 500 dipendenti che andranno in mobilità volontaria a Cassino sulla base di un accordo sindacale firmato nei mesi scorsi. Sono una novità invece i 2.000-2.500 addetti in meno alle Carrozzerie di Mirafiori e le 500 tute blu che il sindacato stima possano perdere il posto a Pomigliano in seguito al passaggio dalle produzioni Alfa alla Panda.
Libero-news.itLibero-news.it

Questo è il momento sbagliato per parlarne. Ci hanno accusato di tantissime cose, ma la realtà è che non abbiamo mai licenziato nessuno, abbiamo cercato di mantenere l'equilibrio sociale negli scorsi 24 mesi.



Marchionne risponde - L'amministratore delegato di Fiat, entrando all'Unione Industriale a Torino dove è riunito il direttivo di Confindustria, ha risposto con parole precise e deluse alle indiscrezioni pubblicate oggi su Repubblica riguardo il possibile tagli di 5 mila persone in Italia. "È la crisi più profonda che abbiamo visto in Europa e noi non abbiamo licenziato nessuno. Cercare di picchiare la Fiat in un momento come questo è la cosa più sproporzionata che abbia mai visto, è quasi vergognoso", ha detto il top manager."Si sta cercando di strumentalizzare il discorso sull'occupazione in Italia. Questo è il momento sbagliato per parlarne. Ci hanno accusato di tantissime cose, ma la realtà è che non abbiamo mai licenziato nessuno, abbiamo cercato di mantenere l'equilibrio sociale negli scorsi 24 mesi. Stiamo gestendo un momento difficile nei migliori dei modi, abbiamo protetto l'aspetto operativo al massimo con sacrifici enormi. Non voglio medaglie, ma quello che è stato fatto è stato fatto. Ricordatevi dove era la Fiat nel 2004".


La replica di Fiat - Risponde con un comunicato stampa ufficiale il gruppo Fiat alle indiscrezioni pubblicate da Repubblica. Ecco il testo: "Per quanto riguarda le indiscrezioni del quotidiano sul piano produttivo in Italia, la Fiat precisa che ha presentato il progetto industriale, che abbraccia un arco temporale di due anni (2010-2011), nel corso dell’incontro che si è tenuto lo scorso 22 dicembre a Palazzo Chigi con le Istituzioni e i Sindacati. In quell’occasione sono stati illustrati, nel dettaglio, il piano gamma prodotto, comprese le vetture di derivazione Chrysler, e le allocazioni produttive dei singoli modelli per ogni stabilimento. Il progetto, come noto, prevede per i prossimi due anni un enorme impegno finanziario della Fiat in Italia: verranno spesati, per investimenti e attività di ricerca e sviluppo, due terzi degli oltre 8 miliardi di euro previsti complessivamente per tutte le attività del Gruppo nel mondo. Vale la pena ricordare che, pur in presenza di mercati internazionali difficilissimi per il settore auto, la Fiat, per evitare i licenziamenti, ha fatto ogni sforzo possibile per mitigare le conseguenze della crisi sui lavoratori, facendo ricorso a 30 milioni di ore di cassa integrazione nel 2009. Al momento il Gruppo è impegnato nella preparazione del Piano Strategico per il 2010-2014 e qualsiasi anticipazione giornalistica è assolutamente prematura e priva di ogni fondamento".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    29 December 2010 - 12:12

    Effettivamente, l'auto ha saturato il mercato. Si produce per il 'ricambio'; all'estero é tutto 'pieno', salvo i paesi emergenti che se ne guardano bene dal riprodurre i nostri errori. Questo lo si sapeva e la Fiat si é in parte premunita: essa costituisce un gruppo con molteplici altri interessi. Ma lo Stato dov'era? All'inizio della crisi si poteva chiamare al tavolo la Fiat e cominciare con lo svincolo graduale, compensato da investimenti in altri campi. Altri produttori guardano all'auto ecologica, a quella elettrica, all'industria verde dove l'esperienza di tecnici e maestranze Fiat potevano essere occupate. Ma finché lo Stato s'inchina, accetta i diktat, preoccupandosi di distruggere un sindacato 'non allineato', le cose non possono andar bene. Ed ha ragione chi (é un intervento che mi ha preceduto) dice che si guarda se la Fiom ha ragione o torto, se..se... le cose non possono che peggiorare.

    Rispondi

  • gitex

    25 March 2010 - 17:05

    dimentica che Fiat è stata una delle poche case automobilistiche che non hanno licenziato; sappiamo bene come sono andate le cose negli USA, in Inghilterra dove alcuni stabilimenti di auto giapponesi hanno drasticamente ridotti gli organici. Crisi anche per gli stabilimenti spagnoli, portoghesi e belgi. Il fatto è che c'è una sovrapproduzione di auto rispetto al bisogno, non c'è altra soluzione che chiudere qualche impianto. Anche se Fiat potrebbe chiudere o licenziare all'estero. Termini Imerese a parte in quanto è uno stabilimento nato e tenuto in vita politicamente e che sa il buon Dio quanto è costato agli italiani.

    Rispondi

  • emilioq

    25 March 2010 - 07:07

    Il volpone lancia il sasso e nasconde la mano ! Lui mira ad avere come per il passato più soldi possibile dallo Stato, cioè nostri, velatamente facendo però capire che potrebbe scatenare una tragedia con una miriade di licenziamenti. E' l'Italia che ha bisogno di piani di sviluppo e occupazione e non con strategie americane e simili. Poveri noi!!!!!!!

    Rispondi

  • inm

    24 March 2010 - 19:07

    Mamma Fiat.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Shopping