Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

Beyoncé, una canzone con Boots

Beyoncé, una canzone con Boots

La collaborazione. Beyoncé dimostra ancora una volta di essere instancabile. Dopo aver lanciato il suo album “Beyoncé” e terminata la sua tournée ...

 

ascolta ora

Radio 105

Vigevano, vietato sedersi ai piedi del "San Giovannino". Polemica tra Pdl e Lega

La protagoniste della vicenda dovranno pagare una multa. Il consigliere del Pdl le difende: "Nulla di male"

Vigevano, vietato sedersi ai piedi del "San Giovannino". Polemica tra Pdl e Lega
Si sono sedute sotto la Statua del Giovannino, in Piazza Ducale, a Vigevano e hanno pagato caro il momento di relax. La sanzione: 160 euro di multa. Il Comandante della polizia locale di Vigevano, Pietro Di Troia, ha infatti sorpreso due ragazze di 24 e 25 anni, accomodarsi ai piedi del "San Giovannino" e le ha prontamente multate.

E le polemiche sulle ordinanze comunali, riguardanti il decoro urbano di cittadini e turisti, specialmente nella stagione estiva, si sono riaccese.
All'episodio sono immediatamente seguiti una raffica di commenti contro i vigile e l’amministrazione leghista della città. E lo "scandalo" di Piazza Ducale, oltre a sbarcare su Facebook, ha surriscaldato anche il clima politico.

Il consigliere del Pdl, Giampietro Pacinotti, che a Vigevano si è schierato, con il Pd, all'opposizione contro la giunta leghista, ha subito offerto assistenza gratuita alle multate per fare riscorso contro il Comune, guidato da poco più d due mesi dall'ex collega di giunta, Andrea Sala.
Dopo aver appreso della protesta inscenata in Piazza Ducale da alcuni giovani per difendere il diritto a sedersi sui gradini della statua del "San Giuanin", che da sempre rappresenta un punto di ritrovo della piazza, Pacinotti ha presentato un’interpellanza in cui si rammenta alla giunta che " fa parte della storia di Vigevano l'abitudine, ormai consolidata, dei giovani di ritrovarsi in piazza e sedersi tranquillamente sui gradini del monumento. Un costume che non ha mai arrecato danni a niente e a nessuno".

Completamente diversa è la tesi sostenuta dagli agenti di Vigevano che ritengono il comportamento delle due ragazze "violazione dell'articolo 59 del regolamento di polizia". Secondo quanto riportato nell'ordinamento, infatti, "è vietato mangiare, tenere bottiglie di alcolici o bivaccare vicino ai monumenti". 

E le ragazze si sono difese, dichiarando che "Non stavamo né mangiando, né bevendo, né fumando. Eravamo semplicemnte sedute a chiacchierare". Le multate contestano anche l’assenza di cartelli informativi del divieto e, su suggerimento del consigliere del Pdl, faranno ricorso al giudice di pace.

Per il momento non si pronuncia il Sindaco del paese, Andrea Sala che sostiene che nei prossimi giorni "verificherò come si sono realmente svolti i fatti. Se le ragazze volessero incontrarmi, resterò a loro disposizione". E aggiunge che " naturalmente ascolterò anche gli agenti di polizia locale. Non voglio entrare nel merito della vicenda, ma alcune considerazioni generali sono d’obbligo. È giusto che il Comune debba spendere soldi tutti i mesi per far rimuovere le "cicche" dai gradini del San Giovannino con un’idropulitrice, con il rischio di danneggiare il marmo? È giusto che si sia dovuto mettere un cancello allo scalone che porta al Castello Sforzesco per evitare di ritinteggiare tutti gli anni i muri imbrattati di scritte o raccogliere rifiuti sparsi ovunque? Lo dico da cittadino: se bastasse il buonsenso, forse non ci sarebbe bisogno di regolamenti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Joe1957

    03 July 2010 - 12:12

    vorrei solo sottolineare che se le ragazze non sporcavano ne danneggiavano il monumento non è un comportamento che va sotto al cappello "buonsenso" / "civile comportamento" di cui lui è fautore ? E allora perchè il vigileha potuto multarle ? È sempre così, invece che cercare di limitare i comportamenti sbagliati preferite mettere il cartello, solito brutto cartello italiano, "È VIETATO TUTTO". Non è così che instillate il senso civile ai giovani. Il VIETATO TUTTO è talmente ridicolo da non poter essere preso in considerazione da una mente giovane e sana (per fortuna...).

    Rispondi

  • franzmr

    03 July 2010 - 11:11

    fra un pò ci faranno pagare anche per respirare, indecoroso è sporcare non certo sedersi, oppure sono d'accordo con i baristi per spolpare i passanti, non esistono esseri più disutili dei vigili urbani che ora si credono dei rambo, ma contro i poveri cristi, andate a zappare il cemento, mangiapane a tradimento.

    Rispondi

  • serenaserena serena

    02 July 2010 - 22:10

    Tutta la mia simpatia alle ragazze sedute sotto S. Giuanin d'la Pumisela, dove da decenni i ragazzi di Vigevano si incontrano. Il sindaco pensasse a piuttosto a mettere due panchine nella piazza più bella d'Italia, dato che l'alternativa a San Giuanin o alla scalinata del castello sono solo i tavolini chic dei bar (da bambina ne contavo 2 ora sono 5) che occupano 1/3 della piazza e che in cambio di un plateatico esorbitante si possono permettere di chiederti 5 euro per una minerale stantia, alla faccia dell'accoglianza ai turisti e della disponibilità verso i residenti. Andate a farvi un giro in Germania per imparare qualcosa.

    Rispondi

  • senzanuvole

    02 July 2010 - 22:10

    D'accordo che le piazze ed i monumenti non devono essere imbrattati, d'accordo per il divieto di bivacco e lasciare sporcizie e residui di cibo. Ma il divieto di sostare e sedersi ai piedi di un monumento era segnalato? Ed il monumento era recintato da far pensare che fosse vietato sedersi sugli scalini? Comunque il vigile poteva anche invitare le ragazze ad alzarsi e far notare il divieto, evitando loro una multa di 160 euro ciascuna, esagerazione!!!! Se fossero state straniere erano tenute a saperlo? Non credo. Io penso che il Comune abbia trovato un modo legale, da vedersi fino a che punto, di rimpinguare un pò le proprie casse. Senzanuvole

    Rispondi

Mostra altri commenti

Shopping

blog