Cerca

Renzi con un trucco fa scudo alla famiglia Boschi

Renzi con un trucco fa scudo alla famiglia Boschi

Ora che è stato pubblicato il testo del disegno di legge renziano (primo firmatario Andrea Marcucci) sulla annunciatissima commissione di inchiesta sugli scandali bancari, il sospetto iniziale è diventato una certezza: si tratta dell’ultima fregatura tirata ai risparmiatori traditi di Banca Etruria, Banca delle Marche, Cassa di Chieti e Cassa di Ferrara. Perchè i renziani facendo finta di indagare su chi li ha fregati, in realtà tirano la palla ben oltre. E si capisce il polverone alzato mettendo a confronto quel disegno di legge con la proposta alternativa firmata da Loredana De Petris, Corradino Mineo ed altri senatori della sinistra.

I renziani propongono di indagare su tutte le banche italiane. Gli altri si limitano alle 4 banche oggetto dello scandalo. I renziani vogliono esaminare tutti gli atti di tutte le banche italiane dal 2000 al 2015. Gli altri solo gli atti che hanno portato al ko di quelle quattro banche fra il 2005 e il 2015. I renziani vogliono inserire il vertice della Etruria di cui faceva parte il papà di Maria Elena Boschi nel classico calderone di “uno, nessuno, centomila”. Gli altri chiedono di mettere a fuoco quel vertice con papà Boschi come quegli degli altri tre istituti finiti ko, senza perdersi in inutili divagazioni di sistema. Insomma, il partito di governo procede con l’ultima odiosa presa in giro dei risparmiatori traditi (più dignitoso non farla una commissione così). Tutti gli altri puntano a una inchiesta sulle singole responsabilità degli uomini e dei soggetti istituzionali che hanno creato quel dramma finanziario.

Continua a leggere su L'imbeccata di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vivaio

    22 Gennaio 2016 - 04:04

    Sono amiconi ? sì, alla faccia dei fessi ciè noi

    Report

    Rispondi

  • gescon

    20 Gennaio 2016 - 23:11

    Prima la porta a fare il ministro e poi la scuda. Non deve delle spiegazioni agli italiani ?. O siamo solo parte di quei coglioni che mantengono alla grande soggetti immeritevoli.

    Report

    Rispondi

  • gescon

    20 Gennaio 2016 - 23:11

    Prima la porta a fare il ministro e poi la scuda. Non deve delle spiegazioni agli italiani ?.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    20 Gennaio 2016 - 11:11

    A Roma si dice "buttarla in caciara" e questo è una delle armi di distrazione di massa che Matteo nasconde nel cilindro. Per nascondere le sue, di nefandezze, punta il dito su quelle altrui cercando, nel mare dimota che si genera, di uscirne pulito. Usque tandem abutere Matteo patientia nostram? Se il governo B avesse fatto la metà delle porcate fatte da Renzi, ora saremmo alla rivoluzione!

    Report

    Rispondi

    • mabo20131938

      24 Gennaio 2016 - 17:05

      Di cosa ti stupisci, amico mio? Decenni di convivenza con tutto il sinistrume dovrebbe averci abituati ai due pesi e due misure, da sempre praticati da questi signori (signori? si fa per dire....)

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti