Cerca

La saggezza di Grillo e l’ipocrisia di quelle adozioni (false)

La saggezza di Grillo e l’ipocrisia di quelle adozioni (false)

Comunque vada a finire, Beppe Grillo sulla vicenda delle unioni civili e soprattutto delle adozioni di bambini da parte delle coppie gay, ha mostrato grande saggezza umana e politica. Non altrettanto può dirsi dei suoi parlamentari e dei militanti a 5 stelle che hanno reagito in modo così polemico e maldestro davanti a uno dei pilastri della civiltà e della democrazia: la libertà di coscienza. Certo, per capire la libertà una coscienza bisogna pure averla, e spero che non sia questa la vera assenza in reazioni del tutto fuori luogo…Proprio nelle ore chiave della discussione sul testo di Monica Cirinnà è apparsa una confessione non ipocrita, ma illuminante da parte di Sergio Lo Giudice, senatore del Pd. Ha raccontato di avere comprato insieme al suo Michele il piccolo Luca negli Stati Uniti da una madre che ha affittato l’utero. Costo: 80-100 mila euro. La coppia gay ha subito sottratto Luca alla madre naturale, non consentendo l’inizio dell’allattamento, come sarebbe vietato in Italia per legge perfino per i cani e i gatti. Quello che è avvenuto è esattamente identico a quel che accadeva negli Stati Uniti con i neri: erano schiavi, le loro vite si compravano per esercitare un diritto di questo o quel bianco. Questo schiavismo sarebbe punito dalla legge in Italia. E se si vive in Italia Lo Giudice e il suo compagno dovrebbero essere denunciati e puniti, magari denunciati proprio da chi- compresi i parlamentari a 5 stelle, sostengono che la stepchild adoption non ha nulla a che vedere con questo commercio di bambini.

Non è così, e mente chi dice il contrario. Proprio nel caso citato, secondo la legge Cirinnà, il piccolo Luca comprato al moderno mercato della schiavitù, verrebbe adottato sanando proprio quello che a parole si vorrebbe impedire. Per questo è saggio Grillo: davanti a questa stepchild adoption bisogna rivolgersi alla propria coscienza, e non farsi rimbecillire dagli slogan truculenti della una o dell’altra fazione contrapposta. E anche un po’ di ragionamento non farebbe male…

Scusate, ma come fa una coppia di uomini ad avere un figlio naturale? Uno dei due era padre? Quindi è stato eterosessuale o bisessuale, e quel bimbo ha avuto una madre. Poi papà deve avere cambiato orientamento sessuale all’improvviso. E mamma non deve esserci più: o perchè scomparsa prematuramente, o perchè la matria potestà è stata sottratta da un tribunale della Repubblica. Stesso ragionamento se invece di due uomini abbiamo due donne. Quanti eterosessuali in Italia già diventati padre o madre hanno cambiato orientamento sessuale e sono diventati allo stesso tempo vedovi con bimbi piccoli? Dieci? Venti? Cinquanta? Voglio esagerare: cento? E noi stiamo facendo una legge su numeri così? Questa è cosa così rilevante in  Italia? Non può decidere -come già avvenuto- caso per caso il tribunale competente, valutando la solidità del nuovo nucleo familiare e ascoltando prima il minore?

Se invece i numeri sono più alti, la risposta è una sola. Quelle coppie gay hanno violato la legge italiana e sono andati a comprarsi un bambino all’estero, dove questo schiavismo è ammesso per soddisfare i ghiribizzi (non i diritti) di adulti, considerando cosa e non persona il bambino che veniva acquistato. Un bebè come i neri nelle piantagioni di cotone della vecchia America. E di fronte a una ipotesi di questo tipo- che è la più realistica- c’è chi protesta per il suggerimento di affidarsi prima di votare con libertà alla propria coscienza? Anime care e belle, a voi ho una sola cosa da dire, presa a prestito da Grillo e da una sua celebre manifestazione: Vaffa…

Continua a leggere su L'imbeccata di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fausta73

    13 Febbraio 2016 - 15:03

    Ho sempre pensato tutto questo. Concordo in toto. e dicono che se non passa la legge siamo del medioevo, a me sembra che se passa ritorniamo cavernicoli, anzi peggio

    Report

    Rispondi

  • aquila azzurra2

    08 Febbraio 2016 - 12:12

    la stepchild adotion è solo una pretesa inaccettabile da parte di forze politiche che mirano solo ai voti : in italia la legge consente da parte di un presunto padre riconoscere un figlio senza menzionare la madre con tutto quello che ne consegue. Perchè dunque assegnare due padri ad un bimbo ed esporlo alle considerazioni inopportune di una società ancora di mentalità tribale?

    Report

    Rispondi

  • caiogracco

    07 Febbraio 2016 - 22:10

    Senza capo né coda, tanto che conclude con un acuto sillogismo : vaffa...

    Report

    Rispondi

    • Capfer

      08 Febbraio 2016 - 08:08

      caiogracco, il resto dell'articolo sta al link "Continua a leggere sull'Imbeccata di Franco Bechis".

      Report

      Rispondi