Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

Beyoncé, una canzone con Boots

Beyoncé, una canzone con Boots

La collaborazione. Beyoncé dimostra ancora una volta di essere instancabile. Dopo aver lanciato il suo album “Beyoncé” e terminata la sua tournée ...

 

ascolta ora

Radio 105

L'ex terrorista Cesare Battisti resta in Brasile. Ecco cosa c'è dietro

Gli affari militari di Lula e Sarkò, ma anche Carlà e le esportazioni di carne bloccano l'estradizione / ANTONELLI

L'ex terrorista Cesare Battisti resta in Brasile. Ecco cosa c'è dietro
Secondo le indiscrezioni che arrivano dal Brasile, il presidente uscente Inacio Lula da Silva non estraderà Cesare Battisti, l'ex terrorista rosso condannato in contumacia all'ergastolo poiché coinvolto nell'omicidio di quattro persone (oltre ad altri effereti crimini). Ma perché il Brasile si oppone al rientro di Battisti?

Il commento di Claudio Antonelli.


Sarkozy, il capo di Stato francese, è andato in Brasile alla fine del 2009. Ha firmato con l’allora premier carioca Luiz Ignazio Lula da Silva un contratto per un valore complessivo di 12 miliardi di dollari. Oggetto della compravendita: forniture militari, tra cui il primo sottomarino nucleare dell’America Latina, qualche missile e armi varie per l’esercito. Un contratto gigantesco, forse il maggiore stipulato da un Paese europeo con il Brasile negli ultimi anni. Nel pacchetto sarebbe stata inserita pure una clausola relativa alla mancata estradizione di Battisti.

A Lula, desideroso di chiudere la partita militare con la Francia, promettere di salvare Battisti dalle meritate carceri italiane non costava praticamente nulla. E così è stato. Non è un segreto poi che dietro le pressioni su Sarkozy per far passare l’ex terrorista dei Pac come un rifugiato politico ci sia ancora oggi la “Francia bene” figlia della dottrina Mitterrand. Una lobby trasversale che ha assunto la faccia di Carla Bruni, già cantante, modella e ora first lady di Francia. Ma che annovera tra le fila filosofi del peso (politico) di Bernard-Henri Lévy e molti esponenti dell’industria della difesa d’oltralpe. Inutile dire che se l’Italia avesse voluto fare ostruzionismo avrebbe potuto utilizzare due pedine. La prima economica. Cioè lusingare le velleità militari brasiliane come ha fatto Parigi. La seconda politica: mettere in moto l’elettorato di origine italiana contro la discepola di Lula (Dilma Roussef) candidata alle recenti elezioni. Non è stata fatta nessuna delle due mosse.

A onor del vero, una pedina è stata accarezzata. Ma il tentativo si è rilevato così debole che ha finito col favorire chi protegge Battisti. Prima che Sarkozy buttasse giù l’asso da 12 miliardi, l’Italia si è mossa in sede Wto, l’organizzazione del commercio estero, con l’idea di penalizzare l’export di carne bovina brasiliana a favore di quella statunitense (gli Usa in cambio avrebbero dovuto sospendere i dazi sulle acque minerali tricolore). Come dire, uso le vacche per “punire” il Brasile e con esso i produttori di carne carioca allineati col presidente Lula. Il tentativo è sfumato e finito addirittura nel dimenticatoio, mentre nel frattempo la giustizia brasiliana ha fatto il suo corso, favorendo man mano la posizione filo battistiana.

Tanto più che a questo mix di fattori si è andata aggiungendo una componente tipicamente brasiliana che trova nell’ex ministro della giustizia Tarso Genro una forte spinta propulsiva.  Genro  ha di fatto compiuto un atto previsto dai precetti del suo Paese così come nel 1989 lo stesso asilo era stato concesso ad Alfredo Stroessner, dittatore del Paraguay. Tarso ha preso in esame la domanda degli avvocati di Battisti. Viste le motivazioni politiche, è partita la richiesta. Come dire, tanto è bastato per non poterla rifiutare. In Brasile c’è infatti una particolare sensibilità per chi chiede asilo politico. La ferita prodotta dalla dittatura è ancora viva. Lo stesso Tarso è stato vittima dei militari. Peccato che quando Battisti commetteva reati, in Italia c’era la democrazia e non una dittatura come a Rio. Ma forse l’ex ministro della giustizia e portavoce del partito rivoluzionario comunista brasiliano non lo sa. Bisogna pure aggiungere che l’Italia non ha ancora fatto granchè per puntualizzare la differenza. Per 25 anni, fino alla richiesta di estradizione avanzata da Castelli, Battisti è potuto vivere tranquillo in Francia. E ora il ricorso al tribunale Federal è solo annunciato. Staremo a vedere. Speriamo che il governo Berlusconi non ripeta gli errori dei predecessori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bassu2

    04 January 2011 - 20:08

    mi chiedo se il vostro giornalismo si riduca a buttare fango su tutti , come mai non parlate di prigione anche per il nar amico di alemanno ??? forse lui e' vostro amico ?

    Rispondi

  • franzmr

    04 January 2011 - 18:06

    La giustizia italiana è la stessa che a voi non piace, e che forse non piace o non è considerata affidabile anche negli altri paesi, mai dare per scontato che una condanna di chiunque sia al di sopra di ogni sospetto, le galere sono piene di innocenti con i colpevoli che se la ridono in giro, il pm di Battisti è uno dei più rossi che ci sia secondo voi.

    Rispondi

  • BRUFAI

    04 January 2011 - 16:04

    La soluzione migliore sarebbe pagare qualche balordo brasiliano e farlo fuori non c'e altra alternativa per un pluriomicida

    Rispondi

  • gattotigrato

    02 January 2011 - 14:02

    L'Italia è vero doveva far leva sui numerosi immigrati italiani presenti in Brasile. Che questi non abbiano appoggiato la sinistroide Roussef è fuor di dubbio, come ho più vcolte potuto consttare direttamente i nostri sono schiettamente anticomunisti, a parte i brogli alle ultime elezioni! A maggior ragione ora bisogna incoraggiare i nostri connazionali ad esprimere il loro dissenso sul caso. Ricordo che non sono pochi e hanno un certo peso nella vita socio-politica del Paese.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Shopping

blog