Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

No Doubt al lavoro sul nuovo album

No Doubt al lavoro sul nuovo album

No Doubt al lavoro sul nuovo album. La notizia arriva da Gwen Stefani, 45 anni portati divinamente, la quale, in un botta e risposta  su Twi......

 

ascolta ora

Radio 105

Roma, malati di tumore 'gomito a gomito' con casi di polmonite e Tbc

Cronaca

Roma, 8 giu. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Malati di tumore immunodepressi costretti a dividere gli spazi dell'ospedale e gli infermieri con pazienti in cura per broncopolmoniti, polmoniti e altre infezioni respiratorie. Accade al San Filippo Neri di Roma, dove da questa settimana i reparti di Oncologia e Broncopneumologia, 'accorpati' in seguito al taglio dei posti letto imposto dalla Regione Lazio, sono ospitati nello stesso padiglione, sullo stesso piano. E condividono gli stessi infermieri.

Una vicinanza piuttosto 'stretta', dal momento che - a quanto apprende l'Adnkronos Salute - la prima camera di degenza della Broncopneumologia confina con l'ultima di Oncologia. Così i pazienti dei due reparti possono passeggiare nello stesso corridoio, privo di finestre ma con aria condizionata 24 ore su 24.

Il reparto di Oncologia medica è stato trasferito nel nuovo padiglione D a metà dicembre 2010, dopo la riduzione dei letti stabilita dalla Regione che ha visto i posti contrarsi da 21 a 9. Una 'razionalizzazione' che ha portato a decidere di accorpare il reparto, più che dimezzato, con quello di Broncopneumologia, che conta 10 posti letto. Questa vicinanza, però, ha allarmato i familiari dei malati di cancro, pazienti immunodepressi e dunque particolarmente vulnerabili rispetto al rischio di infezioni.

La vicinanza dei reparti "non deve destare allarme. Si tratta di una conseguenza legata al rifacimento delle stanze, in linea con i criteri di accreditamento, che ha dotato i reparti di camere doppie con bagno. Nei due reparti sono previste delle stanze di isolamento con filtri dell'aria e misure ad hoc per i pazienti con malattia diffusiva", potenzialmente contagiosi, ha spiegato all'Adnkronos Salute Patrizia Magrini, direttore sanitario di presidio.

Secondo Magrini la 'vicinanza' tra Oncologia e Broncopneumologia, che ha preoccupato i familiari dei malati oncologici, immunodepressi e dunque particolarmente vulnerabili, "in realtà non comporta rischi: la maggior parte delle patologie pneumologiche si cura ambulatorialmente - spiega Magrini - E i pazienti con malattia diffusiva vengono assistiti in isolamento. Anche il loro trasferimento per eseguire eventuali esami è regolato da procedure ad hoc: questi pazienti indossano una mascherina, vengono accompagnati da personale mirato, e si spostano solo dopo che gli altri pazienti sono stati allontanati". Insomma, stanze di isolamento e procedure ad hoc tutelano la sicurezza dei pazienti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Shopping

blog