Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

Adele chiama Damon Albarn

Adele chiama Damon Albarn

Adele chiama Damon Albarn. L'attesa del nuovo album della cantante britannica, oggi 26enne, è costellata di sorprese (e smentite). L’ultima ......

 

ascolta ora

Radio 105

Così prelevare 1.000 euro dallo sportello è un'odissea

Tracciabilità, prelievi di contanti, crisi di liquidità: molte banche ora chiedono di essere avvertite in anticipo per "concedere" i soldi cash

Così prelevare 1.000 euro dallo sportello è un'odissea

Volete avere un po’ di soldi in tasca per qualche spesa imprevista? Pensateci due volte, perché l’operazione potrebbe non essere così semplice. Intanto, ci sono le nuove norme sull’accesso automatico del fisco ai dati relativi a tutti i movimenti bancari dei conti correnti. A questo, che si concretizza in un flusso di informazioni inviato periodicamente dagli intermediari finanziari all’Agenzia delle Entrate, si aggiungono le segnalazioni specifiche, che scattano, in base ai regolamenti interni di ciscuna banca e, a volte, di ciascuna filiale, sopra un determinato tetto di prelievo. Qualsiasi cifra, sulla base delle nuove norme per la tracciabilità del contante, dovrà poi essere giustificata. In altre parole, se volete utilizzare i quattrini per comprare una bambola gonfiabile o per frequentare qualche signora (o signore) a pagamento, dovrete scrivere che servono per comprare i libri di scuola a vostro figlio.

C’è poi la questione del limite di mille euro per i pagamenti cash. La disposizione sta creando molta confusione tra i cittadini. Molti pensano infatti che prelevando più di tale cifra allo sportello l’addetto della banca sia obbligato a comunicare al fisco l’avvenuta violazione della norma di legge. Nulla di tutto questo. Come ribadito dal ministero dell’Economia nella circolare del 4 novembre scorso, «le operazioni di prelievo o versamento di denaro contante richieste da un cliente non concretizzano automaticamente una violazione». La comunicazione alle autorità diventa obbligatoria solo qualora ci siano elementi che inducano la banca a  pensare che quei movimenti di denaro costituiscano un illecito.

Il fatto che i soldi si possano prendere non significa che la banca li dia. Anzi. Facendo alcune verifiche in diversi istituti di credito e incrociando le informazioni con alcune segnalazioni dei lettori, abbiamo scoperto che prelevare è diventato sempre più difficile. La tracciabilità non c’entra. Il problema è piuttosto la crisi di liquidità dell’intero sistema bancario che constringe gli istituti a tentare di trattenere anche gli spiccioli. Il risultato è che per somme sopra i mille euro molte banche chiedono di essere avvertite in anticipo. In sostanza, il cliente deve prenotare il contante e passare a prelevarlo dopo 24 o, in caso di cifre più rilevanti, 48 ore. Non solo. Capita di rado, ma alcuni istituti sembra che in questi giorni stiano addirittura scoraggiando i prelievi, prospettando utilizzi più proficui per il cliente.

di Sandro Iacometti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ilsognodiunavit

    29 July 2014 - 19:07

    Però! che fiducia c'è nell'aria.

    Rispondi

  • sparviero

    05 January 2012 - 22:10

    Molto più conveniente il materasso.

    Rispondi

  • nlevis

    05 January 2012 - 19:07

    vivo da sempre in una città che è stata, purtroppo ribadisco è stata, un fiore all'occhiello nonchè uno dei maggiori contribuenti per lo Stato. Ora, causa crisi, moltissime aziende sono chiuse, le famiglie e dico le famiglie di ben 18.000 ex dipendenti sono allo sbaraglio, ripeto 18.000 ex dipendenti su una popolazione di 50.000 persone !!!!! Le banche hanno "fienato" nei tempi d'oro ma oggi, se si affaccia una società estera, importante, e riporta un po' di produzione (oltretutto diversificata e sofisticata) le banche rispondono che non daranno nessun finanziamento: nè di salvo buon fine o altro. Questo sarebbe un modo per favorire la rinascita, la crescita e le opportunità? Se in Italia le banche sono, come dice il governo, solide perchè invece di fare il loro storico mestiere si tengono tutto? Forse per continuare a giocarlo in borsa ? Ma a loro cosa frega del territorio ? Contano solo i soldi, puliti o sporchi che siano.

    Rispondi

  • MATRIX2011

    05 January 2012 - 14:02

    Bisogna lasciare il meno possibile in Banca i soldi o si investono o si conservano ma a casa, in cassaforte o cassetta di sicurezza , ma non lasciateli su conto corrente in mano a questi avvoltoi spregiudicati figli di satana senza etica e morale cui Monti e compagni ne sono autorevoli esponenti.

    Rispondi

Shopping